-ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Azzolina, con i concorsi 78mila docenti in ruolo- Coronavirus, il bollettino di martedì 7 luglio: 138 nuovi casi e 30 morti- Decreto Semplificazioni, via libera 'salvo intese' del CdM- Addio a Ennio Morricone, le sue musiche da Oscar- La Ocean Viking resta ancorata fuori da Porto Empedocle-

news

VIDEO IN PRIMO PIANO - CENTROABRUZZONEWS

martedì 30 novembre 2010

COMUNITA' MONTANE: NESSUN DIPENDENTE PERDERA' IL POSTO DI LAVORO

Un tavolo permanente tra Regione, sindacati ed altre istituzioni per stabilire i criteri da utilizzare per un eventuale ricollocamento del personale delle Comunita' Montane che dovesse risultare in eccedenza negli organici o in disponibilita' a seguito di scioglimento delle stesse. E' quanto stabilito nell'ultimo degli incontri tra l'assessore agli Enti locali, Carlo Masci, i Presidenti ed i Commissari delle Comunita' Montane, le Amministrazioni Provinciali, le delegazioni regionali delle Autonomie Locali - Anci, Uncem, Upa - e le organizzazioni sindacali al fine di verificare le situazioni esistenti in ciascuna Comunita' Montana. "In ogni caso - ha assicurato l'assessore agli Enti Locali, Carlo Masci - va sottolineato che nessuno perdera' il posto di lavoro a seguito della riduzione del numero delle Comunita' Montane. Inoltre, rispetto a quei dipendenti, assunti legittimamente e nella dotazione di ciascuna Comunita' Montana, per i quali fosse necessaria una riallocazione, si procedera' sia tenendo presente le professionalita' di ognuno sia la logica del luogo di lavoro piu' vicino possibile a quello di residenza". Per di piu', in relazione all'Ente da prendere in considerazione per il nuovo collocamento, verra' seguito l'ordine Comunita' Montana, Comune, Unione di Comuni, Provincia e Regione".

Nessun commento:

Posta un commento

VIDEO IN PRIMO PIANO :