-ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Calano malati e decessi: Da domani i test sierologici- Tensione ad Hong Kong Cariche e scontri, 150 arresti- A Napoli lungomare bloccato 'Notte di follia fino alle 4'- In Lombardia oggi 441 contagiati in più di ieri- Cancelleri contro Atlantia: 'Un ricatto, via concessione'- I contagi in calo ovunque: 'Rt' è pomo della discordia- Rt sotto 1 in tutte le Regioni 130 morti nelle ultime 24 ore-

news

Post in evidenza

CORONAVIRUS: ABRUZZO, DATI AGGIORNATI AL 24 MAGGIO. CASI POSITIVI A 3226, +5

PESCARA - In Abruzzo, dall’inizio dell’emergenza, sono stati registrati 3226 casi positivi al Covid 19, diagnosticati dai test eseguiti ne...

VIDEO IN PRIMO PIANO - CENTROABRUZZONEWS

venerdì 26 novembre 2010

PRATOLA PELIGNA: A RISCHIO LA DIREZIONE DELL'ITIS

DIMENSIONAMENTO SCOLASTICO PROVINCIALE:A RISCHIO LA DIREZIONE DELL’ITIS “L. DA VINCI” DI PRATOLA PELIGNA
A rischio la Direzione dell’ITIS “L. Da Vinci” di Pratola Peligna: è quanto emerso dalla riunione della Commissione Consiliare Cultura tenutasi questa mattina all’Aquila.Dalle proposte illustrate dall’Assessore Patrizi sul dimensionamento scolastico provinciale, infatti, si è rilevato che è stata modificata la proposta iniziale dell’Ufficio Scolastico Regionale che prevedeva l’accorpamento dell’ITCG “A. De Nino” di Sulmona e l’ITIS di Pratola, con la possibilità di acquisire gli studenti di Pratola appartenenti all'Istituto Professionale Agrario “Serpieri”: si sarebbe formato così un Istituto d’Istruzione Superiore con circa 764 studenti.La proposta presentata dall’Amministrazione Provinciale, invece, prevede il solo accorpamento dell’ITIS con l’ITCG, con la certezza che uno dei due Istituti perderà la Dirigenza, aspetto, quest’ultimo, di competenza della Direzione Scolastica Regionale.
Come Capogruppo del Partito Democratico ho avanzato una proposta di modifica del Piano,afferma Enio Mastrangioli consiglier provinciale del PD, chiedendo il mantenimento dell’Autonomia Dirigenziale sia per l’ITIS di Pratola che dell’ITCG di Sulmona, per quello che rappresentano le due realtà scolastiche, in particolare l’unicità dell’offerta formativa dell’Istituto Tecnico nell'ambito extracomunale ed extraprovinciale.
Non è accettabile, continua Mastrangioli, che come al solito, di fronte a norme ben precise e criteri stabiliti a monte ci possano essere applicazioni disomogenee, penalizzando realtà formative che in questi anni sono cresciute grazie a progetti e legami con il territorio di indubbio valore culturale e sociale.Della materia si discuterà nel prossimo Consiglio Provinciale di Lunedi 29, perché la Commissione non ha dato una risposta compiuta e unitaria alla problematica delle deroghe.Il nostro auspicio è che da parte della Maggioranza si dia una risposta seria, uniforme e rispettosa di tutte le realtà.

Nessun commento:

Posta un commento

VIDEO IN PRIMO PIANO :