ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Migranti: 'La Sea Watch non sbarca neanche a Natale'- Tria: 'Rispettiamo le regole, ottimista su procedura Ue'- Colpo alla 'ndrangheta: Arresti in Emilia-Romagna- Olimpiadi invernali 2026: Vincono Milano e Cortina. Sogno olimpico per l'Italia-

news

VIDEO IN PRIMO PIANO - CENTROABRUZZONEWS

domenica 24 luglio 2011

I SULMONESI ADERISCONO ALLA CAMPAGNA SOCIALISTA DELLE 4 FIRME

SULMONA - Ieri  nella centralissima Corso Ovidio, i sulmonesi hanno aderito in massa alla campagna socialista delle 4 firme.Code si sono create per firmare le petizioni al gazebo del PSI alla presenza dell’On.Lello Di Gioia della Segreteria Nazionale, del Segretario Regionale Massimo Carugno, dei dirigenti Orlando Orsini e Livio Pallotta e del Capogruppo Consiliare Luciano Marinucci.
L’interesse e anche l’entusiasmo che hanno accolto la iniziativa socialista è stato sorprendente soprattutto perché proveniente da moltissimi giovani.All'iniziativa hanno aderito anche numerosi esponenti politici sulmonesi di altre forze politiche distribuiti in maniera equamente “bipartisan”.
L’iniziativa riguardava 4 grandi temi, quali:

CANCELLAZIONE DELLA LEGGE ELETTORALE: Esame ed approvazione in Parlamento, per il prossimo autunno, di una nuova legge elettorale che restituisca all’elettore la possibilità di scegliere i propri rappresentanti e cancelli la norma illiberale e liberticida del premio di maggioranza in assenza di quorum.
ISTITUZIONE DI UNA TASSA PATRIMONIALE: Il Governo e il Parlamento calendarizzino l’esame  e l’approvazione di un disegno legge sulle transazioni finanziarie che recepisca la mozione votata dal Parlamento Europeo.
TRASPARENZA NELLA POLITICA : Approvazione di una nuova legge che regoli il finanziamento dei partiti con: Rimborsi elettorali che cessino al cessare della legislatura; Reintegro nelle casse dello Stato dei fondi destinati ai partiti che non superano lo sbarramento e non la ridistribuzione ai partiti che hanno eletto rappresentanti; Riconoscimento del rimborso elettorale ai partiti di cui si sia accertato la reale vita democratica interna.
ELIMINAZIONE DEL PRECARIATO: Approvazione di norme che limitino le possibilità di “prorogatio” nei confronti dei titolari  dei contratti a termine, introducendo norme che regolamentino vincoli ed incentivi allo scopo di promuovere e realizzare la stabilizzazione dei precari entro al massimo tre anni,  rendendo la formazione dei lavoratori un obbligo per le imprese e un diritto per i lavoratori.

Nessun commento:

Posta un commento

VIDEO IN PRIMO PIANO :