ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Tria: 'Rispettiamo le regole, ottimista su procedura Ue'- Colpo alla 'ndrangheta: Arresti in Emilia-Romagna- Olimpiadi invernali 2026: Vincono Milano e Cortina. Sogno olimpico per l'Italia- Evaso in Uruguay boss 'ndrangheta Rocco Morabito- Giochi 2026, oggi si decide Conte: 'Il sogno dell'Italia'-

news

VIDEO IN PRIMO PIANO - CENTROABRUZZONEWS

venerdì 22 luglio 2011

PACENTRO, SALTA CONSIGLIO COMUNALE CITTADINI OCCUPANO UFFICI


PACENTRO– Cittadini occupano in protesta uffici comunali. Per la seconda volta, dopo la seduta dell’11 luglio scorso in occasione della riapprovazione del rendiconto del 2010 salta il consiglio comunale in prima convocazione per l'assenza della maggioranzaI cittadini di Pacentro giunti numerosi per assistere all'assemblea, dopo la comunicazione del consigliere Madonna di rinviare la seduta al prossimo lunedì 25, hanno attuato una protesta pacifica occupando temporaneamente gli uffici del Comune.

All'ordine del giorno temi estremamente rilevanti per la comunità pacentrana: la discussione della petizione depositata dai consiglieri del gruppo “Rinnovamento” per l'avvio della “porta a porta” con gestione del servizio in economia da parte del comune e la controproposta dell'amministrazione di affidare il servizio a COGESA srl. Il consigliere Madonna ha dichiarato che la seduta veniva spostata a causa dell'assenza del sindaco per motivi personali. “In realtà” dichiara Angelilli “il problema vero è che, come documentato dal parere del responsabile finanziario, apposto poco prima dell'inizio del  consiglio, il progetto che l'esecutivo vuole sottoporci per l'approvazione, manca della necessaria copertura finanziaria a causa della situazione di dissesto in cui versa il comune. Il 14 luglio abbiamo infatti certificato una perdita di 500 mila euro ed i nostri amministratori invece di pensare a come ripianare i debiti continuano a fare spese scellerate senza copertura finanziaria. Inoltre ad alimentare gli animi dei cittadini la notizia della scomparsa degli originali delle oltre 500 firme allegate alla petizione, fatto oggetto di formale denuncia ai Carabinieri da parte dei consiglieri del “Rinnovamento”.

Nessun commento:

Posta un commento

VIDEO IN PRIMO PIANO :