-ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Conte: 'Ridisegnare il Paese, fisco iniquo, serve riforma'- Premiati gli 'eroi' del Covid:Ecco perché e chi sono- Italia libera dal lockdown: Tutte le regioni riaprono- Salgono i contagi, 318 in più: Sono 8 le regioni senza casi- Proteste in Usa, altri 2 morti Trump: 'Mobiliterò l'esercito'- Mattarella: 'Crisi esige unità, responsabilità, coesione'- 'Serve uno sforzo comune, non ci si può dividere ora'-

news

Post in evidenza

AL VIA I LAVORI PER REALIZZARE ROTATORIE IN TRE INCROCI

SULMONA - "Dal momento del mio insediamento mi sono messo subito al lavoro in sinergia con Anas, che ha appaltato i lavori a una ditt...

VIDEO IN PRIMO PIANO - CENTROABRUZZONEWS

giovedì 25 agosto 2011

METANODOTTO, COMITATI SULMONESI AL FORUM DI VENAUS

SULMONA –  Approderà nel "Forum contro le grandi opere inutili e per un altro futuro possibile" il caso del metanodotto brindisi Minerbio e della Centrale Snam. Sotto i riflettori nazionali e internazionali. "Una delegazione dei comitati di Sulmona e del comitato No Tubo di Umbria e Marche parteciperà al Forum organizzato dal movimento No Tav e che si terrà a Venaus, in Val di Susa, dal 26 al 30 agosto". E’ quanto riportato nella nota a firma degli ambientalisti sulmonesi, i quali spiegano che "Nella giornata del 27 è già previsto un apposito spazio nel quale sarà data ampia possibilità al movimento anti-gasdotto di presentarsi, raccontando la storia e spiegando le ragioni della lotta contro l'ecomostro della Snam”.
  “Il Forum di Venaus” affermano gli organizzatori, " è una importante occasione di discussione e confronto aperto alle associazioni e ai comitati di cittadini che difendono il loro territorio e futuro minacciati dalla realizzazione di opere inutili e /o nocive nella consapevolezza che ambiente e salute non possono essere oggetto di mediazione e di baratto"."Il Forum, il primo del genere, è dunque uno spazio per incontri e testimonianze di lotta e democrazia vissuta con la partecipazione dei movimenti europei, extraeuropei e della popolazione locale per conoscersi, discutere ed imparare dalle esperienze altrui".  Per il movimento anti-gasdotto  questa è una preziosa occasione per farsi conoscere e per collegarsi con altri movimenti che in Italia e all'estero si battono contro opere altamente impattanti e dannose". "Coscienti di avere tutti superato la fase del semplice NO  della protesta - dichiarano i promotori del Forum - auspichiamo anche che si possano collegare i movimenti per la costruzione di alternative per un futuro possibile, vivibile e desiderabile". "Oggi le popolazioni che hanno deciso di prendere in mano il proprio futuro dimostrano, attraverso l'auto organizzazione e senza mediazioni, che vincere è possibile e che proprio da queste lotte può nascere la speranza di un mondo più giusto e migliore".  

Nessun commento:

Posta un commento

VIDEO IN PRIMO PIANO :