-ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Di Maio'La prova col Pd sarà il taglio dei parlamentari'- L'annuncio di Emma Marrone: 'Mi fermo per motivi di salute'- Al via lo sciopero globale sul clima, migliaia in piazza- Conte: 'Porti chiusi riduttivo: Renzi? Governo sostenibile'- Muore bimbo di 2 anni dimenticato in auto dal padre- Sfruttamento e caporalato, pm indagano su rider-

news

VIDEO IN PRIMO PIANO - CENTROABRUZZONEWS

domenica 21 agosto 2011

NOTTE BIANCA A COLORI, IN 40 MILA A SULMONA

SULMONA –  I colori della Notte bianca. Sulmona in festa. Una tavolozza variopinta fatta di stravaganze,  facce nuove, accenti diversi, musica per tutti i gusti, eccentricità ed eccedenza nei vestiti e atteggiamenti come se per una notte all’anno tutto sia lecito. La città aveva voglia di festeggiare ieri. E si vedeva. Si percepiva benissimo andando in giro per le strade del centro storico. Le stime, oggi, parlano di 40 mila presenze in totale. Difficile non farsi trascinare dalla musica  (a volte anche assordante) che ha fatto ballare grandi e piccini fino all'alba.
corso Ovidio ore 2.30
Come un mega party all’aperto che ha toccato i diversi angoli della città antica. Lustrini e paillettes sui cappellini (per la gioia dei tanti rivenditori ambulanti presenti in più punti), ghirlande di fiori e luci a intermittenza nei gadgets non solo dei più piccoli. Artisti di strada, trampolieri a poise, mangiafuoco e palloncini. Sfumature sgargianti spuntavano tra la folla. In tanti hanno anche preferito osservare l’evento seduti sui gradini di palazzo dell’Annunziata, circondati da mostre di quadri e consolle di dj locali, mentre all’interno si esibivano "I solisti aquilani" in concerto. Chioschi di birra e mercatini di prodotti tipici qua e là. Pulsante di vita anche la villa comunale (a differenza dello scorso anno), gruppi live in piazza Carmine e ponte Capograssi con tributi al rock italiano e straniero anni '90, rockabilly in via Roma (a detta dei partecipanti spettacolo fatto stoppare sul più bello dalle proteste di qualche residente che avrebbe richiesto l’intervento della polizia). Acquarel Do Brasil in piazza Minzoni, Impressionisti impressionabili, The Straphon e Emily the Grudge in piazza Maggiore. Pienone in città. Bello vedere Sulmona viva, proprio lei, quella dalle grigie tinte soffocanti per la mancanza di lavoro e per la crisi insopportabile che invade la realtà di tutti i giorni. Se qualche commerciante ha gioito per aver chiuso i battenti alle 2.00 con vendite soddisfacenti, come ha affermato una delle proprietarie di un negozio di abbigliamento, qualcun altro ha deciso a priori di non aprire.  Ieri, però, era la voglia di stare insieme a primeggiare, secondo il parere di molti intervistati, provenienti da più parti d’Abruzzo, che hanno plaudito l’evento. “Il tempo stasera passa senza rendercene conto”  ha affermato un ragazzo di Pescara alle 4.00 del mattino. E c’era anche chi, all’una, tornava dal concerto di Francesco De Gregori, svoltosi in contemporanea a Rivisondoli. Piacevole anche solo passeggiare in maniera insolita e inusuale tra piazze e vicoli gremiti di giovani, anziani, compaesani, stranieri, turisti e ospiti per una sera di Sulmona. Tutti, in un modo o nell’altro si sono sentiti un po’ protagonisti. A volte troppo. Immancabili le risse con intervento rapido di carabinieri e polizia per placare l’irascibilità dei giovani che, forse, avevano alzato un po’ troppo il gomito. Arrestato un giovane per resistenza a pubblico ufficiale. A tratti, addirittura, faticoso camminare nella massa di gente che avanzava senza meta lungo corso Ovidio, tra rifiuti di tutti i tipi gettati incivilmente a terra e vicoli scambiati per bagni pubblici. Tutti in pista in piazza Garibaldi per il latino americano, tra un panino con la porchetta e  ruote di pizza fumanti sfornate senza sosta. Unico assente il jazz in piazza della Madonella. In 3 mila (secondo le prime stime) hanno gremito la Rotonda di San Francesco (fino alle 7.00 del mattino) per lo più giovani che non hanno resistito e si sono scatenati sulle note mixate dal dj sulmonese Alex Natale, riempiendo allegramente scalette,  balconate, salendo sulle panchine e lasciandosi andare, dalle balaustre, in preda, ogni tanto, anche ad un esagerato esibizionismo da far scuotere sconsolatamente la testa non solo agli incravattati e perbenisti.  “C’era meno gente dell’anno scorso” secondo qualcuno. Pareri discordanti.  “Alla grande. Siamo soddisfatti con le 40 mila presenze circa” ha commentato, invece, Antonio Santacroce, presidente dell’associazione organizzatrice Cittàviva, che insieme al suo staff non hanno perso d’occhio un attimo l’evolversi della situazione. Ovunque si guardava c’era folla. Delirio in piazza Venti Settembre trasformatasi in discoteca a cielo aperto fino alle 5.30 del mattino. Una serie di dj locali si sono alternati prima e dopo l’arrivo della guest star Roger Taylor e delle ballerine brasiliane che hanno infiammato la platea colorata, sotto lo sguardo di Ovidio, l’unico “immobile” in quella massa che ha continuato a ballare ininterrottamente. Ha bissato il successo della scorsa edizione, dunque, la “seconda notte bianca sulmonese”. Buona anche la campagna pubblicitaria nelle città abruzzesi. Per qualche politico sulmonese: “chiara, inequivocabile ed incontrovertibile dimostrazione che solo i giovani possono cambiare le cose”. Sono questi i colori cangianti della notte bianca a Sulmona. Giuliana Susi
trampolieri







rotonda San Franscesco ore 7.00 del mattino


associazione città viva




piazza Carmine
piazza garibaldi

altri componenti associazione cittàviva



via Roma








Nessun commento:

Posta un commento

VIDEO IN PRIMO PIANO :