-ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - M5s: 'Salvini non affidabile' Lega: 'Col Pd per le poltrone'- Open Arms si rifiuta di andare in Spagna. Salvini, inaccettabile- Terremoto di magnitudo 3.6 in provincia di Forlì-Cesena- Kabul, kamikaze a una festa di matrimonio: almeno 63 morti- Ventisette minori arrivati sul molo di Lampedusa- Open Arms: Salvini cede 'Sbarcano minori'-

news

VIDEO IN PRIMO PIANO - CENTROABRUZZONEWS

martedì 29 maggio 2012

SUL CLASSICO SI SPACCA LA MAGGIORANZA, LA CIVITA E DE DEO INCALZANO

SULMONA - Tornano alla carica i consiglieri di maggioranza di Rialzati Abruzzo, Cristian La Civita e Antonio De Deo, che scrivono una lettera aperta al sindaco Federico, chiedendo con retorica se, all'indomani  dell'ultimo Consiglio comunale dopo la votazione sulle sorti del liceo Classico, abbia  ancora l’appoggio della sua maggioranza. "Come più volte detto, anche se fuori dall’organo di governo, noi restiamo leali al voto popolare del 2008 e quindi le confermiamo il nostro appoggio esterno. Non possiamo però rimanere indifferenti di fronte ad una votazione
che ha visto il gruppo Consiliare a cui lei appartiene diviso in tre tra chi non ha votato, chi ha espresso voto favorevole e chi ha espresso voto contrario sullo stesso provvedimento". Il riferimento, nella missiva, è alla discussione sorta in merito al subemendamento presentato dal consigliere Iannamorelli, per inserire i 557 mila euro di avanzo d'amministrazione nel calderone dei finanziamenti finalizzati alla ristrutturazione del Lçiceo Classico, giacente vuoto dal 6 aprile 2009. Dal dibattito, tra chi era propenso a dare un segnale di vita per la storica scuola e chi, invece, mostrava perplessità nel far tornare gli studenti sui banchi di piazza XX Settembre, il voto finale ha spaccato la maggioranza.  "Non vorremmo trovarci di fronte alle prove generali della prossima campagna elettorale a scapito della città" concludono La Civita e De Deo "per questo le chiediamo di metterci nella condizione di capire con estrema chiarezza se il Pdl è in grado di governare fino alla scadenza naturale del mandato o meno".

VIDEO IN PRIMO PIANO :