ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Von der Leyen eletta d'un soffio alla Commissione- Commissione Europea: Von der Leyen all'esame del voto- Alitalia, Ferrovie sceglie Atlantia- Savoini non ha risposto a pm Di Battista: "Salvini bugiardo"- Huawei investirà in Italia 3 miliardi di dollari in tre anni-

news

VIDEO IN PRIMO PIANO - CENTROABRUZZONEWS

lunedì 30 luglio 2012

ANVERSA, VARIAZIONE DI BILANCIO DA 15 MILA EURO PER LA PARCELLA DEL LEGALE


ANVERSA DEGLI ABRUZZI  - Variazione di bilancio di previsione di 15.442 euro. E' quanto ha deliberato il Consiglio Comunale di Anversa degli Abruzzi nella seduta del 21 luglio per pagare la parcella a seguito dello Studio Legale che ha curato la difesa del Sindaco e degli assessori, in carica negli anni scorsi, a seguito di un esposto-denuncia presentato il 17/06/2006, presso la Procura della Repubblica di Sulmona, dal Gruppo Consiliare di opposizione “Uniti per Anversa”. L’iniziativa della minoranza determinò il rinvio a giudizio degli amministratori comunali Gabriele Gianni, Gianni Di Cesare,
Roberto Di Genova, Vincenzo Pace e Valter La Fratta per una grave ipotesi di reato: danni all’ambiente per la realizzazione di una arteria di circolazione di rilevante impatto nell’area della Riserva Naturale “Gole del Sagittario”.
Invece, come poi accertato dalle minuziose indagini, dalle consulenze tecniche esperite, dalle relazioni peritali, dalle dichiarazioni dei testi, dall’esame della documentazione progettuale e dall’istruttoria dibattimentale nelle varie udienze, è stato di fatto accertato che si trattava semplicemente della realizzazione di un sentiero lungo il fiume, ricompreso in un più ampio sistema integrato di percorsi territoriali nell’ambito dei Comuni della bassa Valle del Sagittario, regolarmente inserito nel progettato generale, autorizzato e previsto nel Piano di Assetto Naturalistico.
Il Tribunale di Sulmona, con sentenza n. 608/2010 depositata il 18/01/2011, disponeva quindi la piena assoluzione degli imputati dal reato loro ascritto perché il fatto non sussiste.
Gli amministratori prosciolti pertanto, per senso di giustizia, hanno ritenuto doveroso e necessario chiedere il rimborso dei costi del procedimento legale, proprio per essere stati costretti a difendersi da ingiuste accuse per fatti e atti connessi all’espletamento del proprio mandato, anche in considerazione alle altre decine di denunce, querele ed esposti presentati dall’opposizione, che avevano il solo scopo di screditare le attività della Giunta e di ostacolare le attività dell’Amministrazione.
"Il risultato di queste insensate iniziative giudiziarie intraprese dalla minoranza potrebbe adesso avere un risvolto paradossale" si legge in una nota "infatti, le inutili spese legali che il Comune di Anversa dovrà rimborsare ai propri amministratori che hanno sempre agito con responsabilità e correttezza, potrebbero anche andare a gravare direttamente sugli abitanti.
Davvero un pessimo risultato per il Gruppo di opposizione “Uniti per Anversa” che continua a proclamare di voler combattere le spese inutili e tutelare gli interessi dei cittadini".

VIDEO IN PRIMO PIANO :