ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Europee: Alle 7 aperti i seggi, al voto quasi 51 milioni di elettori- Quattro italiani arrestati dopo una rissa a Cadige, in Spagna- Europee: Rush finale. Sfida Di Maio-Salvini-

news

VIDEO IN PRIMO PIANO - CENTROABRUZZONEWS

lunedì 26 novembre 2012

AL VIA MOSTRA SUL PRESEPE VIVENTE DI PACENTRO

PACENTRO - In preparazione della XV edizione del Presepe vivente che si svolgerà il 26 dicembre, domenica 9 dicembre alle ore 16:00 presso la sala polifunzionale “Pietro Di Nello” vicino il Municpio di Pacentro sarà inaugurata la mostra che racconta le precedenti edizioni della sacra rappresentazione attraverso fotografie inedite e video. L'esposizione resterà
aperta da sabato 8 dicembre fino al 6 gennaio  dalle 10 alle 13 e dalle 17 alle 20. Si tratta di un'iniziativa organizzata dall'associazione Proloco di Pacentro. “A Pacentro come a Betlemme ” è divenuta tra le più importanti  tradizioni folkloristiche a Pacentro, un momento di grande attrazione per il circondario peligno nonchè di forte richiamo turistico. Ha luogo ogni anno durante le festività natalizie. Una rappresentazione a cavallo tra il sacro ed il profano: ricreare la mistica atmosfera del natale a Betlemme, caricandola di una valenza popolare strettamente legata alla tradizione contadina del luogo. L’evento culturale diviene strategia esplicita di rigenerazione dei quartieri del borgo, attualmente spopolati e che anticamente costituivano il cuore pulsante del paese. Il percorso viario del “Colle” fungerà da catalizzatore di una serie di performance collaterali nello sforzo di ricreare un ritmo di vita perduto, scandito dagli incontri nelle botteghe di raccolta che non sono puro decoro, ma esperienza partecipata e in grado di rigenerare il quartiere urbano trasformandolo in un organismo capace di ricreare modi di vita, di attraversamento e utilizzo fuori dalla routine del quotidiano. Una poderosa occasione per instaurare un rapporto  biunivoco tra le persone ed il borgo: esso, attraverso le singole location, offre stimoli visivi-tattili-olfattivi, una serie di sensazioni e seduzioni che i fruitori utilizzano per ricreare il concetto di paese e storia e per identificarvisi. Le locande che preparano  dolci tipici, castagne, inondano i vicoli di profumi antichi e che accompagnano i visitatori durante la passeggiata verso la grotta. Le botteghe della sarta, del fabbro, dell’orafo, del tombolo, dell’intagliatore, costituiscono occasione di sosta e di sorpresa. La visione progettuale del presepe vivente vuole coinvolgere la creatività ed il sapere dei suoi abitanti e alimentare una nuova sinergia con le tradizioni del circondario che troveranno accoglienza nella densa rete di tradizioni riproposte in modalità diffusa nelle diverse location collocate lungo il percorso viario. Una manifestazione folkloristica carica di tradizione cristiana, integrazione tra città-tradizioni-arti e mestieri popolari, offre la possibilità all’evento di fungere da strumento per rigenerare una qualità dello spazio urbano perduta, interagendo direttamente con le persone,riconnettendo ed identificando gli spazi.

VIDEO IN PRIMO PIANO :