-ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Conte: 'Ridisegnare il Paese, fisco iniquo, serve riforma'- Premiati gli 'eroi' del Covid:Ecco perché e chi sono- Italia libera dal lockdown: Tutte le regioni riaprono- Salgono i contagi, 318 in più: Sono 8 le regioni senza casi- Proteste in Usa, altri 2 morti Trump: 'Mobiliterò l'esercito'- Mattarella: 'Crisi esige unità, responsabilità, coesione'- 'Serve uno sforzo comune, non ci si può dividere ora'-

news

Post in evidenza

AL VIA I LAVORI PER REALIZZARE ROTATORIE IN TRE INCROCI

SULMONA - "Dal momento del mio insediamento mi sono messo subito al lavoro in sinergia con Anas, che ha appaltato i lavori a una ditt...

VIDEO IN PRIMO PIANO - CENTROABRUZZONEWS

sabato 24 novembre 2012

TERAPIA DEL DOLORE, CONVEGNO PARTECIPATO A PRATOLA


 PRATOLA-  Era affollato il teatro comunale a Pratola Peligna ieri. Non solo medici, e "addetti ai lavori" del settore sanitario, ma anche molti cittadini hanno assistito al convegno sulla terapia del dolore organizzato dalla fondazione Isal, durante il quale è stata avanzata ufficilamente alla Asl la proposta di realizzare nella struttura destinata alla Rsa (esistente e funzionale ma mai utilizzata da 14 anni )  un centro per la terapia del dolore per i bambini, come aveva spiegato il delegato provinciale dell'associazione, Gianvincenzo D'Andrea insieme al sindaco Antonio De Crescentiis e

all'assessore comunale al sociale Alessandra Tommassilli (clicca qui).  La richiesta, in sostanza, arriva da un intero territorio, dove non ci sono le strutture per la ricerca e terapia del dolore, previste invece una legge importante la L. 38 del 2010
A relazionare il caso William Raffaeli, autorità nel comparto della lotta al dolore, presidente della Fondazione  ISAL – Istituto di Scienze Algologiche, uno dei promotori della legge 38, il quale ha sottolineato la necessità di avere una rete di centri specializzati sul territorio.  Alcuni dati sono molto significativi: l’Italia è al terzo posto per l’incidenza nella popolazione della patologia dei dolori cronici, mentre l’Abruzzo è al terzultimo posto nella graduatoria delle regioni italiane che hanno attivato specifiche strutture.

VIDEO IN PRIMO PIANO :