-ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Calano malati e decessi: Da domani i test sierologici- Tensione ad Hong Kong Cariche e scontri, 150 arresti- A Napoli lungomare bloccato 'Notte di follia fino alle 4'- In Lombardia oggi 441 contagiati in più di ieri- Cancelleri contro Atlantia: 'Un ricatto, via concessione'- I contagi in calo ovunque: 'Rt' è pomo della discordia- Rt sotto 1 in tutte le Regioni 130 morti nelle ultime 24 ore-

news

Post in evidenza

CORONAVIRUS: ABRUZZO, DATI AGGIORNATI AL 24 MAGGIO. CASI POSITIVI A 3226, +5

PESCARA - In Abruzzo, dall’inizio dell’emergenza, sono stati registrati 3226 casi positivi al Covid 19, diagnosticati dai test eseguiti ne...

VIDEO IN PRIMO PIANO - CENTROABRUZZONEWS

martedì 29 gennaio 2013

PAOLA PELINO AD “AGORA’”: “LE PMI SONO IL MOTORE DEL PAESE”

“Capisco il momento difficile che le imprese stanno vivendo perché io stessa sono un'imprenditrice. Vengo da una regione, l'Abruzzo, che oggi è in crescita, e sono convinta che per rilanciare i nostri consumi si debba ridare ossigeno alle imprese; gli imprenditori, ad esempio, oggi non hanno più soldi per le materie prime”. Lo ha detto l’On. Paola Pelino, candidata al Senato nella circoscrizione Abruzzo, nel corso della puntata di “Agorà” andata in onda questa mattina su Rai 3.
Nel corso della trasmissione, condotta da Andrea Vianello, si sono affrontate le problematiche delle piccole e medie imprese.“La maggior parte del Pil della nostra nazione – ha dichiarato Paola Pelino – è costituita dalle piccole e medie imprese, che sono il motore dell’Italia. Dopo aver subito qualche anno fa una concorrenza sleale, siamo riusciti a riaffermare il Made in Italy. Ora è bene che si comprenda che gli imprenditori non sono nemici dello Stato, ma persone che portano migliaia di posti di lavoro e che devono essere tutelate”.Per l’On. Pelino, i consumi “possono riattivarsi se viene riattivato anche un tessuto produttivo. Il nostro obiettivo è prima di tutto il lavoratore e garantire il lavoro. In Italia, d’altronde, c’è tanta voglia di fare. Gli imprenditori oggi chiedono credito, e la politica deve attivarsi per garantirlo. Attualmente abbiamo una pressione fiscale al 56%: non bisogna bastonare gli imprenditori con la patrimoniale, dal momento che generano lavoro e dunque sono utili al Paese”.


VIDEO IN PRIMO PIANO :