ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Salvini:'Estremista chi guida l'Ue. Non siamo ultradestra'- Salvini: 'Se vinciamo tassa al 15%, Lega garanzia stabilità'- Di Maio: 'Sono preoccupato dall'ultradestra'- Salvini-Di Maio,lite continua M5s: in gioco tenuta governo- Autorizzato lo sbarco delle famiglie della Sea Watch-

news

VIDEO IN PRIMO PIANO - CENTROABRUZZONEWS

sabato 23 febbraio 2013

SULMONA DEMOCRATICA, POLITI SARA' IL CANDIDATO ALLE PRIMARIE

SULMONA -  Si è tenuta iera alla comunità montana peligna un'assemblea pubblica per  il movimento Sulmona Democratica in vista delle primarie di marzo per la scelta del candidato sindaco per le  prossime elezioni amministrative.L' assemblea  ha rappresentato un momento introduttivo per l'elaborazione di temi che devono interessare la competizione elettorale.Relatori Giovanni Mastrogiovanni  coordinatore di Sulmona Democratica e  Eleonora Mesiano membro dello stessa movimento.Sulmona Democratica sosterrà la candidatura  del Prof. Fabrizio Politi, alle primarie cittadine indette  per il 17 marzo.
"Politi è un candidato credibile al di sopra delle parti in quanto non è espressione politica di un partito o di un movimento in particolare"afferma il coordinamento  di Sulmona Democratica."Il sindaco deve essere scelto in base alla credibilità sociale.Politi possiede questa caratteristica oltre a quella culturale e professionale.La sua

candidatura supera un tavolo limitato a qualche partito, è aperta a tutti quanti, quindi ha meno limiti ed è più costruttiva"hanno aggiunto i vertici di Sulmona Democratica.S.D. lancia l’appello ai simpatizzanti e alla città per la costruzione di un programma non preconfezionato ma da costruire insieme.Nel programma le proposte saranno incentrate su tre punti fondamentali:Lavoro, Politica territoriale, Attività amministrativa più incentrata per i servizi al cittadino."Sulmona deve tornare ad essere una città normale che abbia la giusta qualità della vita a cui venga meno quel senso di precarietà " ha affermato il coordinatore del movimento Giovanni Mastrogiovanni."Ritengo che la nuova amministrazione, che dovrà guidare Sulmona, si debba concentrare molto sulle politiche sociali.E' chiaro che l'emergenza economica in cui versa la nostra città si riversa anche sul tessuto sociale, creando delle emergenze sociali, basti pensare ai recenti fatti di cronaca di micro criminalità" ha ricordato Mastrogiovanni."Questo deve essere un campanello di allarme, deve imporre all'amministrazione
un'attenzione particolare alle politiche sociali.Bisogna creare dei momenti di aggregazione, concentrarsi sulle politiche giovanili  e favorire l'integrazione degli extracomunitari, che costituiscono una parte importante del nostro tessuto sociale" ha proseguito Mastrogiovanni."Sulle politiche territoriali l'importante è che la politica non si concentri solo nei confini di Sulmona, ma che in qualche modo vada anche oltre.Credo che Carrara, nella sua ultima analisi, abbia centrato alcuni aspetti di rilevante e notevolissima importanza.E' necessario  che in qualche modo ci sia una sinergia tra i vari territori circostanti a Sulmona.Non possiamo pensare ad un'offerta turistica circoscritta al capoluogo peligno, ma un'offerta sinergica con i vari territori come l'alto sangro e l'alto sagittario, per citare un esempio concreto.Nell'attuazione del programma credo che Sulmona Democratica debba proporre un'assessorato per la coesione territoriale in modo che le politiche vengano osservate quotidianamente" ha concluso Mastrogiovanni."Si avverte uno sgretolamento della credibilità della nostra classe politica, anche dal suo interno, e noi è da qui che vogliamo partire, dalla credibilità e dalla meritocrazia" ha affermato Eleonora Mesiano."Gli sforzi esclusivamente  individuali e personali  della politica cittadina, sono uno scarso
carburante per far ripartire il motore della nostra citta’.Noi crediamo nella squadra e nella necessità di dover cambiare direzione, abbandonare quella che ci ha condotti in questo deserto, e prenderne un’altra diretta verso nuovi obiettivi fattibili e immediati che rispondano alle vere esigenze del territorio e dell’intero comprensorio peligno"ha aggiunto la Mesiano."Non si può far passare il messaggio che basta il simbolo di un partito nazionale per uscire dalle tenebre in cui siamo precipitati a Sulmona: dietro una bandiera di partito qui da noi, non c’è ne Bersani, ne Berlusconi ne altri, ma le stesse persone che non sono riuscite a far uscire Sulmona da questa paralisi"ha concluso la Mesiano."Gli interventi sulle vicende Snam, tribunale, terremoto, ospedale, non hanno visto una partecipazione capitanata da questa amministrazione cittadina" ha ricordato Antonio Carrara."Sulmona deve ricoprire un ruolo di capofila , aspettativa che esiste da tempo ma che fino ad ora è stata disattesa.Questa città per anni ha avuto problemi ad essere amministrata, oggi non se lo può più permettere di essere gestita cosi timidamente" ha aggiunto Carrara."Il messaggio di Sulmona Democratica è diverso nel concetto per cui bandisce le logiche delle contrapposizioni politiche, e intende invece abbracciare le logiche collaborative"ha concluso Carrara.




VIDEO IN PRIMO PIANO :