ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Alitalia, Ferrovie sceglie Atlantia- Savoini non ha risposto a pm Di Battista: "Salvini bugiardo"- Huawei investirà in Italia 3 miliardi di dollari in tre anni- Affondo di Conte su Salvini: 'Scorrettezza istituzionale'- Roma, sgombero di una ex scuola-

news

News - Primo Piano

GIOSTRA CAVALLERESCA E ANFFAS, INAUGURATO NEGOZIO IN CORSO OVIDIO

VIDEO IN PRIMO PIANO - CENTROABRUZZONEWS

mercoledì 27 novembre 2013

NUOVA STAZIONE FERROVIARIA DI CASTEL DI SANGRO, INTERROGAZIONE DI MELILLA (SEL)

CASTEL DI SANGRO - Gianni Melilla (Sel) ha presentato al Ministro dei Trasporti  e delle Infrastrutture una interrogazione a risposta scritta sulla stazione di Castel Di Sangro per sapere-premesso che:si sta costruendo ,con un finanziamento CIPE, la nuova stazione ferroviaria di Castel Di Sangro (AQ) che unificherà  le 2 attuali stazioni di RFI e Sangritana ;al fine di evitare che questa stazione sia un esempio di irrazionalità e spreco di risorse finanziarie pubbliche è necessario rivedere la scelta negativa di RFI di chiudere la relazione ferroviaria tra Sulmona e Carpinone che passa appunto da Castel di Sangro e nel contempo ripristinare la relazione tra Lanciano e Castel di Sangro gestita dalla Sangritana e sospesa da 10 anni
la scelta di RFI di insistere sulla chiusura della ferrovia SULMONA CASTEL DI SANGRO CARPINONE priverebbe l'Abruzzo interno montano di un mezzo fondamentale di mobilità che collega 2 regioni, l'Abruzzo e il Molise, attraversando un territorio ad alta vocazione turistica, sede del più importante bacino sciistico dell'Appennino ( altopiano 5 miglie Roccaraso Rivisindoli) e di 2 parchi nazionali e di varie riserve naturali regionali e statali;mentre la Sangritana ha chiarito che entro 2 anni saranno ultimati i lavori sulla linea Lanciano Castel di Sangro e il collegamento tra le province di Chieti e L'Aquila tornerà in funzione, da parte di RFI e Trenitalia non si danno segnali positivi per il ripristino della Sulmona Carpinone;anche in considerazione della costruzione della nuova Stazione di Castel di Sangro si rende necessario un ripensamento di RFI e Trenitalia che salvi la "transiberiana d'Italia", come viene chiamata la linea Sulmona Carpinone che si svolge in gran parte ad alta quota e con un innevamento nel periodo invernale;se non intenda intervenire per salvare la relazione Sulmona Carpinone, rilanciare il nodo ferroviario di Castel di Sangro, favorire una collaborazione tra Trenitalia, RFI e Sangritana e rendere così produttivo l'investimento di 10 milioni di euro per la costruzione della nuova stazione di Castel di Sangro.
   GIANNI MELILLA

VIDEO IN PRIMO PIANO :