-ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Conte al Senato annuncia le dimissioni. Salvini: 'Rifarei tutto quello che ho fatto'- Conte in Senato. Il giorno decisivo- Di Maio: 'Disastro Salvini, parola al Colle'- Open Arms, Toninelli: 'Pronti a portarli noi in Spagna'- Di Maio 'Governo Renzi-Boschi? Solo bufale della Lega'- Open Arms 'Italia e Spagna diano i mezzi per lo sbarco'-

news

VIDEO IN PRIMO PIANO - CENTROABRUZZONEWS

mercoledì 29 gennaio 2014

"LA LEGGENDA DI SAN GIORGIO E IL DRAGO" E "I RACCONTI"PRESENTATE PUBBLICAZIONI DALL'ISTITUTO G.VICO

SULMONA -  L'Istituto di istruzione
superiore G.Vico di Sulmona ha presentato questa mattina presso la sala conferenze della comunità montana due importanti pubblicazioni: un albo illustrato "La leggenda di San Giorgio e il drago....", che le studentesse del Liceo delle Scienze Umane hanno elaborato nell'ambito di un laboratorio didattico e "i Racconti" che gli studenti del Liceo Linguistico e del Liceo delle Scienze Umane hanno scritto all’interno di alcuni laboratori di scrittura creativa. Le due pubblicazioni concludono un percorso formativo intrapreso tre anni fa grazie ad un progetto Comenius Regio con la Catalogna dal titolo "Legami di Parole",
che ha coinvolto l'Ufficio Scolastico Regionale, in particolare la referente Annarita Bini.Presenti inoltre la preside Caterina Fantauzzi, Antonella Ranieri Presidente dell'Associazione "Leggiamo una Storia". " Nella scuola solitamente si studia ed è insolito vedere degli studenti che scrivono

pubblicazioni" ha ricordato la Bini."Credo che quest’iniziativa sia davvero eccezionale".Tutto è cominciato dall’analisi di un’indagine dell’OCSE che ha fatto notare come gli adolescenti siano i primi ad incontrare delle difficoltà in merito alla comprensione del testo e alla sua lettura. "Dei dati riscontrabili anche nelle  nostre scuole ci hanno spinto ad investire in quest’iniziativa perché i ragazzi tornino ad appassionarsi dei libri"ha spiegato una docente referente del progetto ."Quando si scrive infondo non siamo soli, ma ritroviamo noi stessi e riusciamo ad emergere per quello che siamo". E’ la testimonianza di una studentessa che ha partecipato in prima persona al progetto.



VIDEO IN PRIMO PIANO :