ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Europee: Alle 7 aperti i seggi, al voto quasi 51 milioni di elettori- Quattro italiani arrestati dopo una rissa a Cadige, in Spagna- Europee: Rush finale. Sfida Di Maio-Salvini-

news

VIDEO IN PRIMO PIANO - CENTROABRUZZONEWS

domenica 28 dicembre 2014

BICINCONTRIAMOCI "ABBIAMO UN SOGNO"


SULMONA - "Qual è la via per la ripresa economica a Sulmona? Crediamo davvero  che se ci dovesse essere una ripresa questa avverrà puntando sulla cementificazione? Sul raddoppio del nucleo industriale? Su una nuova industria metalmeccanica a supporto dell'indotto dell'automobile? Significherebbe essere competitivi con chi oggigiorno produce con condizioni contrattuali impossibili per i nostri canoni. Per questo tipo di produzione ci pensano gli Indiani, i Brasiliani,  i Cinesi, i Vietnamiti, oppure, senza allontanarci troppo dai  nostri confini, i paesi dell'Est.Allora quale sarebbe l'alternativa per il nostro territorio? Quali sono le peculiarità che ci caratterizzano? Su che cosa veramente puntare?"si legge in una nota giunta in redazione a firma di Antonio Cellitti, dell'Associazione Bicincontriamoci." Io credo che l'arma vincente sia il Turismo di qualità e noi abbiamo tutte le potenzialità.
Ma dobbiamo essere onesti nell’ autotestarci e misurarci. Il primo problema che dobbiamo affrontare è  che oggi non abbiamo gli standard per poterci porre su questo"mercato" d'eccellenza. Non solo siamo totalmente sconosciuti sulle mappe europee e internazionali del turismo ma abbiamo un sistema turistico abbastanza arretrato. Chi ha fatto delle esperienze di viaggio in altri luoghi ed in altre nazioni non ci mette molto a capire che siamo scoordinati, approssimativi e a mobilità pressoché nulla. Tante individualità d'eccellenza prese singolarmente ma rissosi ed incapaci di lavorare insieme e di "remare tutti dalla stessa parte".
Per prima cosa va ripensata la nostra città, Sulmona, e poi la Valle Peligna tutta. La Mobilità ha un valore intrinseco fondamentale. Il punto non è "solo" di pedonalizzare il centro storico, se bastasse questo per riattivare l'economia di Sulmona, sarebbe molto semplice, ma è chiaro che questo è solo uno dei punti da attuare. La città va ripensata interamente, rispondendo agli standard di qualità che l'Europa ed il turismo europeo e del mondo ci chiede. Arrivare dalle nostre parti in treno , in autobus, in bici, è un'impresa. Già dalla stazione ferroviaria al centro i collegamenti sono inesistenti, e poi un turista che non si muove in auto ha uno scarso supporto se vuole raggiungere liberamente l'hinterland di qualità di Sulmona.
Per arrivare da Sulmona alla Badia e poi all'Eremo di S. Pietro è un terno a lotto.
E se un turista volesse andare a visitare Corfinio ed i suoi siti archeologici ed il Museo che a mio avviso ha una valenza di Museo a carattere Nazionale, come può fare?     ( un mio amico Inglese con suo stupore ha saputo dell’esistenza del museo archeologico di Corfinio dopo due anni che passava le vacanze qui, quando per caso ce l'ho accompagnato io!!??)
 E se poi si vuole andare a Raiano a visitare l'Eremo di San Venanzio e le sue Gole? E Pacentro? e Pettorano? Non sto qui a fare tutto l'elenco....
O ancora se qualcuno non provvisto di auto semplicemente volesse andare a fare trekking sulle nostre montagne? Mi fermo qui. Risolvere tutto questo necessita di uno studio ben articolato, condotto da chi sa come progettare, (Urbanisti, Architetti che conoscono cosa è un PUMS, Piano Urbano di Mobilità Sostenibile) analizzando tutti questi problemi e dando le giuste soluzioni da veri tecnici. Lo studio va fatto nella sua globalità e non a macchia di leopardo come si è soliti fare. La domanda che ci dobbiamo porre, per capire se  siamo o no attrattivi turisticamente, sarebbe: " ma io spenderei i miei danari in un posto come questo, bello e ricco di attrattive ma in cui ho tante difficoltà nei servizi locali che mi precludono di beneficiare di quello che le guide turistiche riportano?" La risposta è scontata. Ma si può fare qualcosa per captare i flussi turistici di qualità,dobbiamo  muoverci subito e spingere i nostri Amministratori affinché "S-U-B-I-T-O" venga messo in cantiere un PUMS. Se capiamo questo e riusciamo ad attuarlo, anche il nostro patrimonio pubblico e privato nel tempo sarà salvaguardato, rivalutato e potrebbe diventare d'eccellenza, altrimenti perderemo questa grossa opportunità.
 L’Europa ha tante risorse economiche per investire su questo obbiettivo.
Benefici: 1) Migliore immagine della città 2) Migliore accessibilità e mobilità 3) Migliore qualità della vita 4)Benefici per l'ambiente e per la salute 5)Potenziale per una soddisfazione degli individui 6)Decisioni supportate da cittadini e portatori di interesse (stakeholder) 7)Efficace realizzazione degli obblighi di legge  8) Città più competitiva e più facile accesso ai finanziamenti europei   9) Una nuova visione politica, un potenziale di integrazione.
Ed aggiungo che i nostri figli non avranno bisogno di andare altrove per progettare la loro vita. Ma tutto questo va affrontato subito, perché il futuro si costruisce adesso".

                                                                                                                                                             Antonio Cellitti

VIDEO IN PRIMO PIANO :