ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Von der Leyen eletta d'un soffio alla Commissione- Commissione Europea: Von der Leyen all'esame del voto- Alitalia, Ferrovie sceglie Atlantia- Savoini non ha risposto a pm Di Battista: "Salvini bugiardo"- Huawei investirà in Italia 3 miliardi di dollari in tre anni-

news

VIDEO IN PRIMO PIANO - CENTROABRUZZONEWS

martedì 30 giugno 2015

COMMISSIONE WELFARE, FRIZIONI TRA SEL E PD SULLE CASE PARCHEGGIO

SULMONA - Frizioni tra Pd e Sel sono emerse questa mattina nella commissione welfare convocata per esaminare la bozza del regolamento per l’assegnazione delle case parcheggio. Il presidente della commissione Salvatore Di Cesare è stato costretto a chiudere la seduta dopo aver constatato che non c’era accordo nella maggioranza visto che Alessio Di Masci ha duramente contestato il regolamento portato dall’assessore Nicola D’Alessandro che prevedeva l’assegnazione delle case parcheggio agli aventi diritto per due anni con eventuali proroghe di altri due anni.
Per Di Masci invece questo termine deve essere rivisto ed alla luce della differente posizione il consigliere del Partito Democratico avrebbe definito il regolamento una “porcheria”.
La minoranza parla di spettacolo indecoroso in quanto “sono volate parole grosse che denotano una vera e propria sfiducia verso l’assessore D’Alessandro che si è sentito fortemente in imbarazzo”. Commenta Alessandro Pantaleo di Certo che Partecipo che critica l’approccio adottato perché “in commissione – dice – si dovrebbe arrivare con le idee chiare. Non è stato così perché evidentemente c’è stata troppa fretta nell’approntare il regolamento dopo la decisione di assegnare una casa alla donna che ha dormito per venti notti in Comune. Bontà per la donna ma si è creato un precedente che ha mandato la maggioranza in confusione”. L’assessore Nicola D’Alessandro smentisce problemi di natura politica e giudica l’accaduto soltanto come un incidente di percorso annunciando che “ora dovrà essere tutto aggiustato con la giunta che dovrà rifare la delibera”. Le discrepanze tra Sel ed il Pd si sono registrate sin dalla composizione della nuova giunta, nel marzo scorso, quando Sel minacciò di tirarsi fuori se non gli fosse stata assegnata la delega al sociale che sarebbe dovuta andare ad Aldo Milan. Pur essendo un partito di maggioranza ma agendo a ruota libera Sel aderisce successivamente al presidio pro punto nascita, fortemente contestato dal sindaco Ranalli. Questa
mattina la baraonda in commissione sulle case parcheggio. E’ una conseguenza di tutto ciò?. “Mi auguro – conclude Alessandro Panatleo – che le questioni di carattere politico non influiscano sui problemi della città come avvenuto stamane dove tutti ci auspicavamo un buon lavoro ma non è stato così”.

VIDEO IN PRIMO PIANO :