ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Bologna, scontri per il comizio di Forza Nuova- 'Picchia mio figlio e legge Anna Frank', sospesa- Salvini: 'Flat tax è frontiera della durata del governo'- Scontro sui migranti, Di Maio: 'Salvini nel pallone' Leader Lega: 'Onu burocrati'- Google e i big dei chip rompono con Huawei-

news

News - Primo Piano

89ENNE COLTO DA MALORE MUORE NEL SUO TERRENO AGRICOLO

VIDEO IN PRIMO PIANO - CENTROABRUZZONEWS

venerdì 26 giugno 2015

SVENTATO DALLA POLIZIA UN FURTO GRAZIE AD UN CITTADINO

SULMONA - E' stato sventato lo scorso 21 giugno un furto in viale stazione grazie alla segnalazione di un cittadino. A bloccare i due uomini, entrambi campani, una volante della polizia di Sulmona, coordinata dal dirigente, Francesca La Chioma. Ad essere individuati E.B. di 48 anni, con pregiudizi di polizia per reati contro il patrimonio, e V.L. di 23 anni, incensurato. I due si erano introdotti nell’abitazione forzando una porta finestra con un coltello, rinvenuto sul posto e sequestrato dagli agenti.Entrambi sono stati denunciati a piede libero per il reato di tentato furto aggravato in concorso, non avendo asportato nulla dall’appartamento.
Inoltre, il Questore di L’Aquila ha emesso nei loro confronti il provvedimento di rimpatrio con foglio di via obbligatorio, ai sensi dell’articolo 2 del Decreto Legislativo 159 del 2011 (Codice delle leggi antimafia e delle misure di prevenzione). La misura, di competenza esclusiva del Questore, prevede che il soggetto destinatario faccia rientro nel comune di residenza, con il divieto di tornare nel comune da cui è stato allontanato (in questo caso Sulmona) per un periodo non superiore a tre anni.Analoga misura era stata emessa qualche giorno prima, nei confronti di tre uomini,  originari di Avezzano, rintracciati dal personale del Commissariato, su segnalazione di diversi cittadini che li avevano notati aggirarsi con fare sospetto, in alcune chiese di Sulmona. Gli stessi, tutti pluripregiudicati per reati contro la persona, il patrimonio e in materia di stupefacenti, non hanno saputo fornire una giustificazione plausibile alla loro presenza in città. Il provvedimento emesso dal Questore impone loro di non tornare a Sulmona per tre anni, se non autorizzati espressamente.


Barbara Delle Monache

VIDEO IN PRIMO PIANO :