-ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Di Maio avverte Conte: 'Senza M5s non c'è governo'- Renzi chiude la Leopolda: 'Puntiamo alla doppia cifra'- Appello agli scontenti di Fi La protesta in Cile. Santiago sotto coprifuoco. Tre morti durante i disordini-

news

News - Primo Piano

LA CAROVANA DELLA PROTEZIONE A CASTEL DI SANGRO

VIDEO IN PRIMO PIANO - CENTROABRUZZONEWS

venerdì 31 luglio 2015

CHIUSURA PUNTO NASCITA, TAR RESPINGE SOSPENSIVA RICHIESTA DAL COMUNE.RANALLI"ANDIAMO AVANTI"


SULMONA - Il Tar ha respinto la sospensiva sulla chiusura del reparto di maternità peligno presentata dall’amministrazione comunale di Sulmona. Secondo i giudici amministrativi non ci sarebbe un’immediata lesività del punto nascita con il decreto 10/2015 che risulta un atto programmatico e non di chiusura.Il decreto di riorganizzazione dei punti nascita era stato firmato l’11 febbraio scorso dal Presidente della Regione e Commissario ad acta della sanità Luciano D’Alfonso con il quale disponeva anche la chiusura dei punti nascita di Atri, Ortona e Penne.
“ Andiamo avanti. La battaglia continua sul fronte legale e istituzionale”. E’ stata questa la prima reazione del sindaco Peppino Ranalli sulla decisione del Tar. Sul piano giuridico il Comune di Sulmona potrebbe impugnare l’atto di chiusura che sarà emesso dal Direttore Generale della Asl. Non avrebbe senso invece ricorrere al Consiglio di Stato. Ranalli non si scoraggia ma dopo la delibera della Giunta Tematica regionale dello scorso 12 giugno crede nel dialogo e nel confronto politico. “ E’ una fase di rilettura degli atti. In questi 180 giorni una Conferenza di Servizi Interdipartimentale sta studiando il territorio”, ricorda il primo cittadino. Al momento la chiusura del punto nascita resta in stand by. Ranalli nei gironi scorsi aveva rilanciato anche l’ipotesi della Asl unica per mettere in rete gli ospedali di Sulmona, Popoli e Castel di Sangro, alla luce del decreto Lorenzin.

VIDEO IN PRIMO PIANO :