-ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Brexit: Johnson chiede l'ok al deal: 'Ora è tempo di decidere'- Tenta di sgozzare la fidanzata. Nel 2008 uccise la compagna- Arrestato per maltrattamenti l'ex boss Maniero- Renzi all'attacco su Quota 100: 'La cancelliamo'- Bimbo precipita a scuola, è grave-

news

News - Primo Piano

L’ORDINE DEI MEDICI OMAGGIA IL CENTENARIO SPIGLIATI

VIDEO IN PRIMO PIANO - CENTROABRUZZONEWS

lunedì 27 luglio 2015

FI, IL PRESIDENTE D'ALFONSO DEVE FARE CHIAREZZA SU OSPEDALE POPOLI

POPOLI - "Appalti a rilento, finanziamenti slittati al 2017 e ritardi ingiustificati: domani in Consiglio regionale il Governatore D'Alfonso dovra' fare finalmente chiarezza definitiva sul futuro dell'Ospedale civile di Popoli 'Santissima Trinita'', dove, dopo la voluta chiusura del punto nascita, disposta e avviata nel 2007 dal Comitato ristretto dei sindaci, presieduto, all'epoca, dallo stesso D'Alfonso-sindaco di Pescara, tutto lascia ipotizzare un ulteriore declassamento della struttura.
Su sollecitazione del consigliere provinciale e comunale Mario Lattanzio, ho presentato un'interrogazione sul tema, in difesa di una struttura sanitaria fondamentale, oggi minacciata dal Decreto Lorenzin, la cui applicazione, ne determinerebbe la chiusura. E questo anche se ormai l'Abruzzo e' fuori dal commissariamento e con i conti risanati, come si vanta da settimane l'assessore Paolucci". Lo ha ricordato il capogruppo di Forza Italia, alla Regione Abruzzo, Lorenzo Sospiri illustrando l'interrogazione. "Il primo obiettivo e' quello di far luce sul Piano degli investimenti 2015-2017 - ha specificato Sospiri -: il primo dicembre 2014 la Asl di Pescara ha approvato la delibera numero 1357, ovvero il Piano Triennale, elencando le opere edili e strutturali relative al Presidio di Popoli, ossia la realizzazione, per una spesa di 700mila euro prevista nel bilancio regionale 2015, di un locale per l'installazione di una Risonanza magnetica gia' acquistata nell'ottobre 2012, e la realizzazione del reparto Gravi Cerebropatie Acquisite, per una spesa complessiva di 930mila euro, di cui 500mila euro iscritti nel bilancio 2015 e 430mila nel bilancio 2016. Il 30 dicembre 2014, sempre con delibera numero 1459 del Direttore generale della Asl D'Amario, e' stato approvato il progetto esecutivo e avviata la gara per la realizzazione delle opere inerenti l'installazione della Risonanza magnetica, mentre, addirittura - ha osservato Sospiri - e' gia' stata aggiudicata la gara per la realizzazione del reparto per le Cerebropatie. Il 20 giugno scorso, pero', e' arrivato lo stop alle due procedure, ossia il Direttore D'Amario ha ricalibrato il piano degli investimenti facendo slittare al 2016 le opere per la Risonanza magnetica, con una gara gia' in corso, e al 2017, ossia fra due anni, quelle per il reparto per le cerebropatie, con una gara gia' aggiudicata. Un provvedimento che ha fatto scattare un campanello d'allarme e sul quale ora vogliamo sentire direttamente la voce dei vertici della Regione Abruzzo, consapevoli e responsabili, evidentemente, di tali decisioni. E attraverso l'interrogazione presentata - ha quindi spiegato il capogruppo di Forza Italia - ho chiesto al Presidente D'Alfonso e all'assessore alla sanita' Paolucci di conoscere quali siano state le motivazioni che hanno determinato il differimento dei finanziamenti, ovvero degli interventi gia' previsti sull'ospedale di Popoli, che soffre dei gravi ritardi nell'attuazione di investimenti approvati da anni e la cui fonte di finanziamento risulta essere nelle disponibilita' della Asl, trattandosi di utili derivanti dall'esercizio 2013". "Peraltro - hanno aggiunto il Sospiri e il consigliere provinciale e comunale Mario Lattanzio - tali notizie sono trapelate dopo pochi giorni dallo scontro che, dopo la chiusura dell'ambulatorio oncologico, si e' consumato tra il sindaco Galli e l'onorevole Castricone che ha attaccato e biasimato il sindaco, anziche' fare fronte comune in difesa dell'ospedale in un gioco delle parti che lascia spazio a dubbi e interrogativi. Inoltre i due procedimenti congelati si aggiungono ai ritardi inerenti il potenziamento della riabilitazione, partito nel 2011, e che avrebbe dovuto essere la salvezza del nosocomio popolese. Purtroppo il timore e' che tali slittamenti siano propedeutici all'applicazione del Decreto Lorenzin, che fissa i parametri di densita' anagrafica, ossia almeno 200mila abitanti, per mantenere in vita gli ospedali. Se quel decreto, che comunque dev'essere portato in Consiglio regionale, dovesse essere applicato, in Abruzzo resteranno solo 2 ospedali e Popoli, dove c'e' il personale, ci sono delle professionalita', in un Abruzzo ormai fuori dal Commissariamento, chiudera'.

VIDEO IN PRIMO PIANO :