ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Alitalia, Ferrovie sceglie Atlantia- Savoini non ha risposto a pm Di Battista: "Salvini bugiardo"- Huawei investirà in Italia 3 miliardi di dollari in tre anni- Affondo di Conte su Salvini: 'Scorrettezza istituzionale'- Roma, sgombero di una ex scuola-

news

News - Primo Piano

GIOSTRA CAVALLERESCA E ANFFAS, INAUGURATO NEGOZIO IN CORSO OVIDIO

VIDEO IN PRIMO PIANO - CENTROABRUZZONEWS

domenica 29 novembre 2015

RIORGANIZZAZIONE AMMINISTRATIVA.SANTILLI"PROMESSE NON MANTENUTE"

SULMONA - “Solo annunci ma nulla di concreto”. E’ quanto ha affermato il consigliere comunale di Certo che Partecipo Luigi Santilli in riferimento alla riorganizzazione degli uffici ed alla nomina di un nuovo dirigente annunciate dal sindaco Peppino Ranalli ma mai attuate. L’esponente dell’opposizione è andato giù duro nei confronti dell’amministrazione comunale accusandola di aver fatto soltanto proclami: “Sono mesi ormai che viene sbandierata la necessità di nominare un quarto dirigente perché previsto dalla pianta organica ma guardando l’assestamento di bilancio non c’è alcuna traccia.
Nel capitolo delle spese correnti risulta infatti il taglio già adottato nel bilancio di previsione 2015 approvato lo scorso 30 luglio”. Quello che si è verificato invece è solo lo spostamento di funzionari da un ufficio all’altro. “Se ciò vuol dire riorganizzazione – ha detto Santilli – rimango esterrefatto perché si è verificato solo l’assurdo. Qualche mese fa un dipendente dal sociale è stato trasferito al settore della cultura ma a distanza di giorni è stato rimesso tutto come prima. Per non parlare della segreteria generale dove alcune figure sono transitate da un ufficio ad un altro. Non riesco a capire la logica che ha portato anche al trasferimento del funzionario del patrimonio dal secondo al quarto settore. Se riorganizzare vuol dire spostare le pedine da un ufficio ad un altro, addirittura nell’ambito dello stesso settore, rimango allibito”. Il consigliere Santilli ha rimarcato anche il mancato potenziamento dell’ufficio sisma: “Anziché rafforzarlo vi è stato soltanto l’inserimento di un addetto proveniente dal settore manutenzione che è stato compensato con l’assunzione di due nuovi tecnici a tempo determinato al costo di circa 10mila euro. Ciò non vuol dire potenziare l’ufficio che meriterebbe invece maggiore attenzione perché dopo sei anni dal sisma del 2009 ci sono ancora pratiche che non hanno visto iniziare l’istruttoria. Ciò non è accettabile perché stiamo continuando a perdere tempo”. Il consigliere di Certo che Partecipo accusa l’amministrazione Ranalli di scarsa attenzione verso le vere emergenze. “Se le priorità – conclude – sono quelle dello staff del sindaco siamo di fronte ad una situazione irrecuperabile”.

VIDEO IN PRIMO PIANO :