-ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Conte: 'Ridisegnare il Paese, fisco iniquo, serve riforma'- Premiati gli 'eroi' del Covid:Ecco perché e chi sono- Italia libera dal lockdown: Tutte le regioni riaprono- Salgono i contagi, 318 in più: Sono 8 le regioni senza casi- Proteste in Usa, altri 2 morti Trump: 'Mobiliterò l'esercito'- Mattarella: 'Crisi esige unità, responsabilità, coesione'- 'Serve uno sforzo comune, non ci si può dividere ora'-

news

Post in evidenza

AL VIA I LAVORI PER REALIZZARE ROTATORIE IN TRE INCROCI

SULMONA - "Dal momento del mio insediamento mi sono messo subito al lavoro in sinergia con Anas, che ha appaltato i lavori a una ditt...

VIDEO IN PRIMO PIANO - CENTROABRUZZONEWS

martedì 29 dicembre 2015

A FEBBRAIO IL VIA AI LAVORI NELL'EX CINEMA BALILLA

SULMONA – Un  Pantheon da realizzare nell'ex Cinema Balilla per valorizzare tutti coloro che in città hanno lasciato il segno: studiosi, scrittori, artisti, letterari, poeti, esperti. Il progetto ambizioso rientra nella riqualificazione dello storico complesso, un tempo adibito a sala cinematografica, che diventerà per volere della Fondazione Carispaq un polo culturale. Un'idea già lanciata  dal Vice Presidente della Fondazione Mimmo Taglieri, ieri annunciata pubblicamente al Teatro Comunale " M. Caniglia" in occasione della finale della tredicesima edizione del Premio Nazionale A. Daolio.
" E' un'iniziativa che avevo pensato quando nei giorni scorsi abbiamo dedicato una lapide commemorativa a Leopoldo Dorrucci", spiega Taglieri. Per il Vice Presidente della Fondazione Carispaq è fondamentale istituire uno spazio all'intero del " Balilla" per non perdere la memoria degli illustri personaggi che a Sulmona hanno fatto e continuano a fare la storia.  Taglieri ha inoltre sottolineato che il Pantheon potrebbe diventare una risorsa per il capoluogo peligno in tempo di crisi e ha ribadito che i lavori per rimettere in auge la storica sala cinematografica partiranno a febbraio 2016.  L'intento della Fondazione è quello di realizzarvi un centro polivalente, dedicato a varie attività culturali. L'edificio si estende su 700 metri quadri, 500 dei quali coperti. Oltre al cinema, acquistato con 200 mila euro, la Fondazione ha ottenuto anche il locale attiguo che ospitava una trattoria.

VIDEO IN PRIMO PIANO :