-ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Trattativa Pd-M5s va avanti, cresce l'ipotesi Roberto Fico- Conte: 'Chiusa la stagione con la Lega, non si riaprirà'- Zingaretti: 'Mi auguro non esista l'ipotesi doppio forno'- Zingaretti vede Di Maio, scontro sul nome di Conte-

news

VIDEO IN PRIMO PIANO - CENTROABRUZZONEWS

venerdì 29 gennaio 2016

FUORI MENÙ, I RISTORANTI DEL CENTRO ABRUZZO INTERPRETANO I PRODOTTI DEL TERRITORIO NEL NUOVO PROGETTO DELLA CONDOTTA PELIGNA

SULMONA - Si terrà il prossimo 18 febbraio presso il ristorante Villa Elena di Sulmona l’evento Fuori Menù che avvia il progetto del “Circuito dei Ristoranti della Tradizione Gastronomica del Centro Abruzzo” promosso dalla Condotta Peligna di Slow Food e sostenuto dal Comune di Sulmona. In questa straordinaria occasione, ai ristoranti Le vele di Castel di Sangro, La Scarpetta di Venere di Campo di Giove, il Vecchio Ristoro di Roccapia,
l’Osteria del tarassaco di Rivisondoli, il Torchio di Pettorano e La tana del rosso di Roccacasale - da sempre impegnati nel recupero della tradizione gastronomica e nell’utilizzo esclusivo di materie prime locali - spetterà il compito di cucinare i piatti maggiormente rappresentativi ed identitari del nostro territorio a sostegno delle finalità e degli obiettivi del progetto ambizioso. E’ possibile prenotare per questa cena-evento inviando una richiesta all’indirizzo prenotazioni.peligna@gmail.com oppure direttamente presso l’enoteca Bono Vino e Cafè in via Mazara a Sulmona.I prodotti dell’enogastronomia assumono il ruolo di ambasciatori del territorio oltre che strumento impareggiabile di sviluppo delle attività turistiche.
Lo stesso fiduciario della Condotta Peligna, Giorgio Davini, ribadisce che “Nei ristoranti locali devono, per primi, trovarsi i prodotti del luogo per rafforzare il legame tra i sapori autentici del territorio e la ristorazione locale. E’ altrettanto essenziale che il ristoratore si ponga come intermediario e come anello di congiunzione stretto tra chi produce e chi consuma”.
“Il rapporto stretto che unisce da un lato agricoltori ed allevatori con i loro prodotti agroalimentari e, dall’altro, ristoratori e tradizione gastronomica, costituisce senza dubbio un importante volano per l’economia delle aree interne e delle attività di qualità che vi si svolgono e su questo bisogna puntare” prosegue il fiduciario.Con il progetto del “Circuito dei Ristoranti della Tradizione Gastronomica del Centro Abruzzo” la Condotta si pone l’obbiettivo di stimolare la competitività e l’innovazione delle realtà ristorative operanti sul territorio, offrendo una serie integrata di servizi, finalizzati ad innalzare l’attrattività complessiva dei nostri Paesi.
Per rafforzare il prezioso ruolo rivestito dai “luoghi del ristoro”, verrà creato un marchio del Circuito avente la funzione di regolamentare ed omogeneizzare l’offerta ristorativa, oltre che proporre servizi di incoming turistico e di animazione del territorio.
In sostanza si vuole offrire un contributo alla conoscenza ed alla valorizzazione del territorio attraverso le sue eccellenze agroalimentari e gastronomiche che saranno segnalate all’interno di una specifica pubblicazione ma anche con una vetrofania da consegnare ai ristoranti aderenti al Circuito. Ulteriori iniziative saranno intraprese per la promozione congiunta degli agricoltori e dei ristoratori.
Il nostro territorio custodisce un patrimonio eno-gastronomico di assoluto valore che fonda le proprie qualità nella storia di questi luoghi, nell’operosità dei tanti piccoli produttori e nello spirito dei cuochi dei nostri paesi che troppo a lungo è stato nascosto. E’ questo il momento di scoprirlo.

VIDEO IN PRIMO PIANO :