ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Tria: 'Rispettiamo le regole, ottimista su procedura Ue'- Colpo alla 'ndrangheta: Arresti in Emilia-Romagna- Olimpiadi invernali 2026: Vincono Milano e Cortina. Sogno olimpico per l'Italia- Evaso in Uruguay boss 'ndrangheta Rocco Morabito- Giochi 2026, oggi si decide Conte: 'Il sogno dell'Italia'-

news

VIDEO IN PRIMO PIANO - CENTROABRUZZONEWS

mercoledì 17 febbraio 2016

PARTE SABATO “METAMORPHOSEON: BEYOND THE SHAPE”

SULMONA - Parte uno dei primi eventi legati alla celebrazione del bimillenario della morte di Ovidio. Il progetto artistico multimediale e multiculturale dal titolo Metamorphoseon. Beyond the shape ha per oggetto l’opera del poeta sulmonese, un capolavoro della mitologia classica composto da quindici libri e 12.500 versi.
Ad interpretare i miti ovidiani saranno 50 pittori di Sulmona e del territorio assistiti da 20 studenti del Liceo Artistico “Mazara”. “Il progetto - ha sottolineato Raffaele Giannantonio, curatore dell’evento assieme ad Emiliano Splendore  - prevede due mostre personali di Antonio D'Acchille e Silvio Formichetti ed un laboratorio artistico al quale parteciperanno i “Pittori Peligni” e gli artisti della MAW Factory, le cui opere saranno esposte prima in progress e poi in una mostra finale allestita in più ambiti urbani compresi tra l'Abbazia Celestiniana

ed il centro storico; a collegare le esposizioni il fil rouge delle installazioni di Monticelli & Pagone. Tra i caratteri innovativi dell’evento ritengo importanti la produzione originale e l’interazione del linguaggio tra generazioni diverse". Un progetto di ampia portata presentato questa mattina al Liceo Artistico “Mazara” per esplicita volontà della dirigente Caterina Fantauzzi, estremamente disponibile al coinvolgimento degli studenti e dei docenti della sua scuola.
 “Sono fiero di rappresentare un’associazione dove i Sulmonesi si mettono insieme in vista di un obiettivo comune – ha dichiarato il Presidente dell’associazione Ares, Antonio Pelino -. Tutto questo mi inorgoglisce perché credo che si tratti di un'operazione di alto livello culturale ma anche di impostazione ‘Pop’. Puntiamo ad un evento internazionale con l’obiettivo di compiere un passo avanti”. A catturare l’attenzione di molti il manifesto dell’evento ideato da Nunzio Di Placido ed elaborato digitalmente da Rino Di Pietro, in cui l’autore ha rappresentato un mezzo busto di Ovidio specchiato nell’acqua, citando sia il tragico viaggio via mare del poeta da Roma verso Tomi sia gli eventi a noi contemporanei che nel mare trovano il loro tragico teatro. Sabato alle 11 nell’Aula Magna del Liceo Artistico “Mazara” si terrà la conferenza Mutatas dicere formas di Palma Crea, il primo della serie di incontri con figure di esperti chiamati ad illustrare i vari aspetti delle Metamorfosi. L’evento è condotto con la collaborazione del Centro Regionale di Beni Culturali e di varie associazioni tra cui il Dopolavoro Ferroviario, che all’interno di beyond the Shape svolgerà la mostra Metamorfosi in corso  con la partecipazione di artisti e allievi dell’Accademia di Belle Arti di Roma.





VIDEO IN PRIMO PIANO :