-ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - E' battaglia sulla manovra: Nuovo vertice con Conte- 'No ad una crisi di governo, con Pd praterie per lavorare'- Pacco bomba destinato al Viminale disinnescato- 5s: 'Stop con era Berlusconi'. Pd: 'La decisione è di Conte'-

news

News - Primo Piano

"NATALE IN CENTRO" INAUGURA LE FESTIVITA' A SULMONA

VIDEO IN PRIMO PIANO - CENTROABRUZZONEWS

lunedì 28 marzo 2016

"LA FIERA DELL’ARTIGIANATO E DEI PRODOTTI TIPICI DI PASQUETTA, PENALIZZA E MORTIFICA PER L’ENNESIMA VOLTA LA NOSTRA CITTÀ"

SULMONA - "La Fiera dell’Artigianato e dei Prodotti Tipici, che affolla il nostro centro storico nel giorno di Pasquetta, penalizza e mortifica per l’ennesima volta la nostra città, rappresentando di fatto un’altra occasione persa per proporre la riscoperta del gusto e la valorizzazione del prodotto tipico e dell’artigianato, elementi che sono alcuni dei nostri punti di forza"si legge in una nota giunta in redazione a firma di Anna Berghella Presidente DMC Cuore dell'Appennino.
Se da un lato disponendo bancarelle indistinte di scarpe, bigiotteria e “pugliesità” non si tutela l’immagine della città, dall’altra non si sostengono la preziosità dei sapori e l’importanza delle tradizioni locali rappresentate dai nostri produttori e dai nostri artigiani.La nuova amministrazione non potrà esimersi dall’aprire una riflessione profonda e concreta, che punti ad una visione più aderente all’ampio patrimonio cui una fiera può attingere, affinché possa realmente portare benefici in termini di qualità dell’offerta e di crescita economica delle piccole realtà, che vanno tutelate e incoraggiate.Limitare la provenienza dei prodotti da collocare negli stand, approvando esclusivamente quelli del nostro territorio, è una scelta che da sola non determina certezza nella qualità.Bisogna quindi creare una selezione, come si fa già da tempo in altre nazioni, concedendo un “patentino di qualità e territorialità” che, garantendo la filiera corta, immetta sul mercato solo materie prime di livello ed artigianato storico e caratteristico nonché formazione degli operatori.Si darebbe così un aiuto concreto, con scambio di conoscenza e opportunità commerciale, ai tanti giovani che stanno tornando ad attività della terra, alla gastronomia locale e al piccolo artigianato, riscoprendo lo scrigno della nostra cultura e della unicità che tutti amano e che vorrebbero trovare nella nostra città, invece del solito ricambio del Folletto".

Avv. Anna Berghella

Presidente

DMC Cuore dell'Appennino

VIDEO IN PRIMO PIANO :