ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Maturità 2019: Ungaretti e Sciascia tra i temi. Ma anche Dalla Chiesa- Conte: 'Dialogo sull'infrazione ma decisi sulla nostra linea'- Al via con la prova di italiano Ungaretti, Stajano e Sciascia- Tria sotto assedio del Carroccio- Mondiali 2022 in Qatar: Platini fermato per corruzione-

news

News - Primo Piano

NO HUB DEL GAS, "SIT- IN ANTI SNAM A SULMONA"

VIDEO IN PRIMO PIANO - CENTROABRUZZONEWS

mercoledì 31 agosto 2016

ASCOM FIDI - ASCOM SERVIZI: TURISMO A RISCHIO A PESCOCOSTANZO

PESCOCOSTANZO - "L'economia e il turismo di Pescocostanzo e dell'intero territorio sono a rischio. La prossima stagione invernale potrebbe essere caratterizzata dall'assenza degli impianti di risalita e questo provocherebbe danni incalcolabili al settore e agli operatori". A lanciare l'allarme e' Claudio Mariotti presidente di Ascom Fidi Ascom Servizi Sulmona
che chiede l'intervento immediato e concreto delle istituzioni, in particolare della Regione Abruzzo e del Comune di Pescocostanzo. A luglio la Vallefura Srl, societa' che gestisce l'omonima stazione sciistica, ha presentato al Comune la documentazione necessaria per avviare i lavori di smantellamento degli impianti di risalita, che fanno parte del comprensorio Ski Pass Alto Sangro. Quattro impianti di risalita, nove piste, un'area giochi per bambini, un ristorante e altri servizi che rischiano di essere cancellati e con loro gran parte del turismo invernale. Gli operatori turistici del comprensorio sono molto preoccupati, non escludono iniziative eclatanti. Senza gli impianti di risalita, Pescocostanzo rischia il collasso economico. "La maggior parte delle attivita'" afferma Mariotti "sopravvive con il turismo invernale e gli impianti di risalita rappresentano una parte importante del settore in quanto sono, da sempre, frequentati da turisti e residenti. E' necessario individuare una soluzione attraverso l'intervento di Regione e Comune. Gli operatori turistici e gli imprenditori chiedono soltanto di non subire una tale penalizzazione che cancellerebbe una tra le condizioni primarie per lavorare".

VIDEO IN PRIMO PIANO :