-ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Grecia riapre, non all'Italia Zaia: non siamo lebbrosario- Minneapolis,ancora proteste.Incendiato il commissariato- Record di contagi in California: In America latina 46.600 morti- Renault elimina 15mila posti di lavoro in tutto il mondo- Serie A riparte il 20 giugno: Forse prima la Coppa Italia- Seul richiude, boom contagi Lockdown per due settimane- Omicidio Tobagi, Mattarella: 'Era un uomo libero'- Risale il numero dei morti: Giù i malati, più contagiati-

news

Post in evidenza

CON CINQUANTADUE RINTOCCHI DELLE CAMPANE DELL’ANNUNZIATA, DOMANI SARANNO RICORDATE LE CINQUANTADUE VITTIME DEL BOMBARDAMENTO AEREO

SULMONA - Il 30 maggio 1944 è la data che segnò una delle pagine più buie della storia di Sulmona: la strage di piazza Garibaldi. 52 pers...

VIDEO IN PRIMO PIANO - CENTROABRUZZONEWS

giovedì 29 settembre 2016

BENEFICIAVA DI CONTRIBUTI PER IL CRATERE SISMICO MA OPERAVA A SULMONA, SEQUESTRATI BENI AD UNA DITTA DI TRASPORTI

SULMONA - Sequestrati beni e disponibilità finanziarie per circa 700mila euro ai danni di una società del settore dei trasporti che, operando a Sulmona, aveva illecitamente percepito contributi comunitari, nell’ambito dei fondi Por-Fesr 2007/2013,  previsti per le imprese del cratere sismico aquilano. E’ stata pertanto accusata di danno erariale per truffa ai danni dello Stato. L’operazione scaturisce da una segnalazione inoltrata alla Corte dei Conti abruzzese al termine di un’articolata attività conclusa nel 2015 dai militari delle Fiamme Gialle e coordinata dalla Procura della Repubblica di Sulmona.
Le indagini hanno permesso di accertare la truffa compiuta dalla rappresentante dell’impresa di trasporti, in concorso con il proprio coniuge (amministratore della società), attraverso la produzione di dichiarazioni false e la contraffazione di documentazione amministrativo-contabile finalizzate a dissimulare la sede effettiva della società che, in realtà, operando a Sulmona fuori dal cratere sismico, non avrebbe potuto beneficiare della misura di sostegno. Il danno erariale è stato commesso per aver invece percepito illecitamente dalla Regione Abruzzo 500mila euro. Stamane la Guardia di Finanza ha proceduto al sequestro conservativo disposto dalla Corte dei Conti di disponibilità finanziarie, beni immobili e beni mobili aziendali per un valore complessivo di 689mila euro.



VIDEO IN PRIMO PIANO :