ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Roma, bus in fiamme in centro- Salvini: 'Se Lega primo partito, non poltrone ma flat tax'- Siria: Sandrini è stato liberato a Idlib- Bus si ribalta vicino a Siena, un morto- Decreto sicurezza è braccio di ferro, c'è la nuova bozza-

news

VIDEO IN PRIMO PIANO - CENTROABRUZZONEWS

lunedì 26 settembre 2016

IL DESIGN DI CIOTTI PROTAGONISTA AL SALONE DEL GUSTO DI TORINO

TORINO - Sono state tantissime le novità di questa edizione di Terra Madre Salone del Gusto: dall’ingresso libero, alle nuove location, alle tantissime attività che hanno coinvolto le realtà cittadine più disparate. Insomma una bellavetrina volta alla valorizzazione di eccellenze mondiali del cibo e del saper fare artigiano. La manualità diqueste persone, ultimo baluardo contro la globalizzazione, ha valorizzato
prodotti tipici esaltando tradizioni centenarie. È in questo contesto che Gaudenzio Ciotti da diversi anni sta proponendo forme nuove volte all'esaltazione di questo saper fare."I veri protagonisti dell'evento torinese Slow Food sono stati i prodotti ed i loro produttori" afferma il designer abruzzese "ma dietro le quinte il lavoro di noi progettisti è stato enorme. Packaging, grafiche, forme nuove pensate per attirare l'attenzione delle migliaia di visitatori."

Durante l'evento in alcuni stand e vetrine di Torino è stato possibile scorgere tavolette o praline disegnate proprio dal designer abruzzese."Sono soddisfatto quando trovo un mio prodotto esposto perché capisco che ho lavorato bene in fase di progettazione. Quando vedi persone che si fermano, anche solo per fare una foto, capisci subito che il prodotto è piaciuto anche all'utente finale."
Il Food Design oggi è una leva strategica per le aziende ma soprattutto per gli artigiani che difendono
strenuamente la propria identità territoriale. Disegnare nuove forme per il cibo è una passione per Ciotti che da anni sperimenta nuovi design in vari campi dell'alimentare."In molti pensano sia una moda dei nostri giorni ma sin dalla notte dei tempi l'uomo ha cercato di dare una forma al cibo. Si tagliava a fette un frutto per renderlo più facile da mangiare e per renderlo più ergonomico. Il
Food Design è sempre esistito ma non ha mai avuto un nome."Con l'avvento della produzione di massa le aziende hanno proposto nuovi prodotti mettendo spesso in ombra la proprietà intellettuale dei rispettivi autori. È un comportamento comune in tutti i campi dell'alimentare che non dà importanza al designer ma vuole far risaltare solo il marchio dell'azienda produttrice. È quello che
emerge da alcune considerazioni che fa Ciotti in merito al suo lavoro di Food Designer."Oggi l'unico rammarico che ho è che non c'è ancora una cultura del progetto. Difficilmente si trova un'azienda
o un artigiano che menziona il nome dell'ideatore di un prodotto. Pensavo si trattasse di un'abitudine tutta italiana ma anche all'estero non sono da meno."La conferma Gaudenzio Ciotti l'ha avuta qualche mese fa quando un suo prodotto ha vinto negli Stati Uniti il primo premio all'International Chocolate Salon di San Francisco."Il mio nome non è comparso minimamente. La cosa che fa più male è che alcune aziende fanno credere chequesti prodotti sono frutto di ricerca e sviluppo interni ma alla fine acquistano semplicemente il prodotto da un rivenditore."Da anni Ciotti si sta battendo per questa causa e con alcuni artigiani e aziende sta creando prodotti che valorizzano il lavoro di ogni attore del processo creativo."Credo che sia doveroso riconoscere i propri limiti perché è un buon punto di partenza per una crescita costante e condivisa. Inoltre in questo modo si darà il buon esempio alle generazioni future che, in questo panorama di correttezza reciproca, si sentiranno più stimolate a dare continuità alle realtà artigiane, zoccolo duro del nostro Made in Italy."

VIDEO IN PRIMO PIANO :