news

VIDEO IN PRIMO PIANO - IL DIES NATALIS DI OVIDIO

martedì 24 gennaio 2017

LA CANDIDATURA DEL RITO DEI SERPARI DI COCULLO A PATRIMONIO IMMATERIALE UNESCO È UFFICIALE

COCULLO - Da ieri, lunedì 23 gennaio 2017, la candidatura del Rito dei Serpari di Cocullo e della festa e della rete della devozione a San Domenico Abate a Patrimonio Immateriale UNESCO è ufficialmente sul tavolo della Commissione Italiana Unesco.
Si è svolto, infatti, a Roma, presso la sede della Commissione, l’incontro di consegna del dossier di candidatura. La delegazione cocullese era guidata dal Sindaco Sandro Chiocchio e comprendeva rappresentanti dell’Associazione A. Di Nola, della Pro Loco, della rete della
devozione a san Domenico, della Provincia dell’Aquila, della Regione, oltre agli studiosi antropologi Valentina Lapiccirella Zingari, Omerita Ranalli e Lia Giancristofaro. Per la Commissione erano presenti i responsabili italiani e, in raperesntanza del Mibact, la dottoressa Stefania Baldinotti. Inoltre, sono intervenuti Gabriele Desiderio, della direzione nazionale Unpli e Stanislao De Marsanich presidente della rete dei Parchi Letterari.
Il dossier pone Cocullo, la sua festa e la rete dei paesi della devozione nella “Lista di salvaguardia Urgente”, una delle tre “sezioni” previste nel protocollo di candidatura Unesco. La ragione sta nella caratteristica di Cocullo e dei centri della devozione, minacciati dallo spopolamento, elemento che alla lunga potrebbe anche mettere in discussione la permanenza di tradizioni come quella di Cocullo. La “lista di salvaguardia” prevede l’attivazione di una serie di azioni tese appunto a salvaguardare e sviluppare non solo Cocullo e la sua festa ma un intero territorio come quello del centro Abruzzo.
Tutti i soggetti interessati lavoreranno ora alla redazione del “Piano di salvaguardia”, elemento essenziale per completare il dossier.
La candidatura di Cocullo e della rete della devozione, inoltre, cade in un momento decisivo per la presenza nel gruppo di lavoro di tanti centri minacciati dal terremoto e che rischiano di sparire senza una luce ed una attenzione particolare da parte delle istituzioni. La “lista di salvaguardia” si pone anche l’obiettivo di dare visibilità permanente a tante comunità oggi sofferenti e deserte.


                        Associazione Di Nola
                        Pro Loco
                        Comune di Cocullo

Centroabruzzonews - Web Tv - VIDEO