news

News - Primo Piano

CONVOCATO IL CONSIGLIO COMUNALE DI SULMONA

VIDEO IN PRIMO PIANO - PREPARAZIONE NEROSTELLATI A CAMPO DI GIOVE

lunedì 8 maggio 2017

LA BIANCHI SCRIVE A MATTEO ORFINI NELLA SUA QUALITÀ DI PRESIDENTE DEL PARTITO DEMOCRATICO E PRESIDENTE DELL'ASSEMBLEA NAZIONALE

SULMONA - "Gentile Onorevole, La presente alla vigilia dell'Assemblea Nazionale per segnalarLe formalmente che in occasione dell'appuntamento del voto per le primarie, presso il seggio di Sulmona (Aq) nonostante nella mia persona fosse chiaramente riconoscibile il consigliere comunale di Forza Italia, già candidato alla carica di sindaco nelle amministrative 2016, i componenti del seggio elettorale tra cui il consigliere PD Roberta Salvati attualmente presidente di sezione nonché Sergio Dante, neo Segretario di Sezione e Presidente del seggio, in aperta contraddizione con l'art.2 comma 9 dello statuto, mi consentivano il voto senza nulla obiettare, accogliendomi al voto con gentilezza e disponibilità per le quali ringrazio.

Orbene l'art. 2 comma 9 dello Statuto, secondo la interpretazione autentica fornita dalla Commissione Nazionale per il Congresso in data 30 aprile u.s., in merito alla possibilità per un iscritto a un movimento politico o partito politico diverso dal PD di votare alle elezioni primarie per la scelta del Segretario Nazionale appare chiaro e netto nel senso che sono escluse dalla registrazione dall'anagrafe degli iscritti e dall'albo degli elettori del PD le persone appartenenti ad altri movimenti politici o iscritti ad altri partiti politici. Il Presidente di seggio, riconoscendo nell'elettore una persona con una delle caratteristiche di cui al citato art. 2 comma 9, ha l'obbligo di non farlo votare.
A tanto avrebbe dovuto attenersi il Presidente di Seggio di Sulmona Sergio Dante che avendo riconosciuto nell'elettore una persona con una delle caratteristiche di cui al citato 2 comma 9, aveva L'OBBLIGO DI NON FARLA VOTARE.
Nel superiore interesse che ripongo nei confronti dei sistemi democratici che, sono convinta, debbano essere e siano patrimonio comune anche al PD, rimetto alla Sua valutazione la legittimità di espletamento delle elezioni primarie in siffatta maniera, specificando che ciò che deriva dalla disapplicazione delle regole è solo e soltanto la perdita di autorevolezza della legittimazione popolare del leader vincitore. Ci spiace.
Cordiali saluti.

Elisabetta Bianchi
Capogruppo Forza Italia al Consiglio Comunale di Sulmona

VIDEO IN PRIMO PIANO :