news

News - Primo Piano

MICOCHERO: METÀ GARA SUPER, POI SCIVOLA

VIDEO IN PRIMO PIANO - PREPARAZIONE NEROSTELLATI A CAMPO DI GIOVE

domenica 7 maggio 2017

"LA UIL CHIEDE L’IMMEDIATA CHIUSURA DEL REPARTO PENITENZIARIO OSPEDALIERO PIÙ INSICURO D’ITALIA"

SULMONA - A seguito delle disposizioni impartite dal manager della ASL Rinaldo Tordera,  nell’elenco degli ambulatori siti nell’ala vecchia dichiarata inagibile dell’ospedale di Sulmona e da trasferire entro Maggio, non è contemplato ci sia  il locale che, non è sminuente affermare, rappresenta quello più a rischio di tutti vale a dire il repartino penitenziario che ospita i detenuti ricoverati.A denunciare la mancanza di indicazioni in merito è Mauro Nardella Segretario Generale Territoriale UIL PA Polizia Penitenziaria. Da anni-afferma Nardella-  ci stiamo adoperando per far sì che  quella che definiamo essere una vera e propria trappola per topi venga chiusa e non solo per le questioni legate al problema dell’agibilità sismica.
Tuttavia, pur essendo in itinere la costruzione del nuovo padiglione penitenziario presso il nuovo ospedale attualmente in  costruzione, i ricoveri dei detenuti altamente pericolosi provenienti dal locale carcere vengono tuttora effettuati nell’angusto locale sito nei sotterranei dell’ala vecchia del nosocomio ovidiano e che, lo ricordiamo, è stato reso finora  vivibile solo grazie alla preziosa opera dell’attuale Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione dell’ospedale Marco Lotito.Abbiamo apprezzato- continua il segretario generale territoriale UIL- le parole del dr. Tordera quando ha affermato che Il problema dell’agibilità dell’ala vecchia dell’ospedale di Sulmona, in passato non era mai stato affrontato e che lo ha da subito fatto perché c’è in ballo la sicurezza di utenti e operatori sanitari, che lavorano nell’ala vecchia dell’attuale ospedale, da anni giudicata inagibile , aggiungendo inoltre che, così facendo, utenti e personale sanitario avranno ambienti più confortevoli rispetto all’attuale condizione di lavoro e che si tradurrà in un miglioramento complessivo delle prestazioni.  Tuttavia al manager ASL vogliamo ricordare che sotto i 4 piani dell’ala ospedaliera più insicura del presidio ospedaliero tra le persone da tutelare vi sono anche coloro i quali  lavorano e/o sono costretti a stazionare e cioè i poliziotti e i detenuti  del supercarcere di Sulmona.Al manager ASL, al quale abbiamo inviato una missiva, chiediamo- conclude Mauro Nardella-che anche questa componente ospedaliera la quale, proprio in virtù delle affermazioni fatte dallo stesso manager risulta essere tra le più insicure d’Italia, venga immediatamente chiusa e trasferita in altre strutture più sicure e, nelle more, atteso che non è dato sapere se vi sono  disponibili nell’immediato locali a Sulmona, effettuare gli eventuali futuri ricoveri nella più confortevole e sicura struttura sita nell’ospedale civile dell’Aquila.La UIL vigilerà attentamente non escludendo, qualora non verranno adottate le giuste misure, di ricorrere alla componente magistratura.



Il Segretario Generale Territoriale  Mauro Nardella



VIDEO IN PRIMO PIANO :