news

VIDEO IN PRIMO PIANO - 70° TROFEO MATTEOTTI

venerdì 7 luglio 2017

"BASTA DELEGHE IN BIANCO ! LA CITTÀ E LA VALLE PELIGNA VANNO DIFESE"

SULMONA -  "Mentre a Sulmona il sindaco della Città e i Sindaci del territorio hanno espresso soddisfazione per il declassamento e il depotenziamento del proprio Ospedale, oggi, venerdì 7 luglio 2017, il Governatore Luciano D’Alfonso ha presieduto un tavolo di confronto sulla proposta di Ospedale di primo livello costiero da ubicare a Giulianova grazie alle rimostranze rappresentate dal Sindaco della città. La Città di Sulmona, per opera del suo Sindaco, dell'Assessore alle Aree interne e pochi Sindaci del Territorio hanno voluto invece sancire, lo scorso anno, con un atto improvvido e  "contro natura" sul tema della Sanità, il declassamento ed il depauperamento conseguente dei servizi sanitari della Valle Peligna, che sono sotto gli occhi di tutti.In questi mesi varie realtà regionali, da Penne a Popoli, da Giulianova a Guardiagrele a  Tagliacozzo
hanno costituito Comitati di Cittadini ed hanno duramente protestato reclamando il diritto ad una Sanità di qualità e per il mantenimento dei loro Presidi Ospedalieri, con i loro Sindaci in testa, non come nel nostro caso con il cappello in mano a chiedere elemosine.Solo la Città di Sulmona è stata tradita nelle sue aspettative da una Amministrazione che guarda a interessi di parte e non all'interesse generale dei suoi Cittadini consentendo il declassamento dell'ospedale ed una perdita di centralità del proprio territorio nello scenario regionale. A distanza di un anno la constatazione, amara ma reale, è che non siamo adeguatamente rappresentati, nè a livello locale, nè a livello regionale, e che si vuole ridurre questa Comunità a poca cosa, a merce di scambio e solo bacino elettorale di qualcuno. Basta ricordare a tutti noi il lungo elenco di provvedimenti adottati ed in adozione da parte della Regione, con la connivenza del Comune, che ci relegano ad essere la Cenerentola d'Abruzzo. La cura della Città e del Territorio Peligno ha bisogno di una classe dirigente all'altezza, bisogna, per amore di questa terra, togliere la fiducia e mandare a casa una classe politica inadeguata e non in grado di mantenere  gli impegni assunti con i Cittadini. Sulmona è stata tradita dai propri rappresentanti politici e non può più affidarsi a pifferai magici che cercano di tenerla sedata. Bisogna riprendere in mano il proprio destino prima che sia troppo tardi, mobilitiamoci per la dignità di popolo e di Cittadini  che sempre abbiamo avuto e che abbiamo dimostrato in tante circostanze. Basta deleghe in bianco ! "                                                     
                Per il Coordinamento Mò Bast !
                             Domenico Capaldo


VIDEO IN PRIMO PIANO : CICLISMO TROFEO MATTEOTTI