ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Cottarelli al Colle alle 11.30- Milano sale a +1,6%: forti le banche, spread a 195- Governo: Salvini: mai pensato a uscire dall'euro. Col M5s? Vedremo- Conte ha rimesso l'incarico a Mattarella -

news

VIDEO IN PRIMO PIANO - BAGNATURO, FIACCOLATA CELESTINO V

sabato 30 dicembre 2017

CARABINIERI ARRESTANO TRE RAPINATORI. IL BASISTA È PARENTE DELLA VITTIMA

VIDEO INTERVISTA FLORINDO BASILICO
PACENTRO – Questa mattina i militari del nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Sulmona e delle stazioni di Pacentro e Raiano, hanno arrestato tre giovani sulmonesi, autori di una rapina a mano armata portata a Segno l'11 ottobre scorso ai danni di un ex gioielliere di Pacentro. Si tratta di G. S. 25enne colpito dalla misura cautelare in carcere, di M. R. 31enne e F.R. 25enne, entrambi colpiti dalla misura degli arresti domiciliari.La sera dell'11 ottobre G.S. e M.R. hanno fatto irruzione incappucciati e armati di una pistola revolver in un negozio di elettrodomestici di Pacentro.
Hanno minacciato il titolare intimandogli di aprire la cassaforte e si sono fatti consegnare diversi gioielli in oro per un valore di circa €6000. I due sono poi fuggiti a bordo di un'Alfa Romeo. Gli accertamenti immediati dei carabinieri hanno permesso in breve di individuare gli autori della rapina. In particolare sono stati fondamentali le registrazioni di alcune telecamere di videosorveglianza e la collaborazione dei cittadini del paese. Dopo la rapina, l'auto utilizzata per la fuga era stata nascosta in un garage del posto. Il luogo è stato però scovato dai militari che, a seguito di una perquisizione, hanno anche trovato all'interno del veicolo alcuni dei  gioielli sottratti al negoziante. Il ruolo di F. R. parente del negoziante è stato invece quello del basista: ha Infatti indicato ai complici la presenza della cassaforte ancora contenente gioielli rimasti invenduti dalla pregressa attività di orefice della vittima. Nell'ordinanza il giudice ha evidenziato la non occasionalità del ricorso all'attività illecita, la professionalità e la spregiudicatezza degli indagati che hanno agito con evidente premeditazione , con sopralluogo sul posto,  in più persone, a mano armata e con travisamento dei volti.















VIDEO IN PRIMO PIANO :