ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Cottarelli al Colle alle 11.30- Milano sale a +1,6%: forti le banche, spread a 195- Governo: Salvini: mai pensato a uscire dall'euro. Col M5s? Vedremo- Conte ha rimesso l'incarico a Mattarella -

news

VIDEO IN PRIMO PIANO - BAGNATURO, FIACCOLATA CELESTINO V

martedì 16 gennaio 2018

POLIZIA DENUNCIA QUATTRO PERSONE PER DETENZIONE DI MONETE CONTRAFFATTE

PRATOLA - Nell’ambito del controllo del territorio nella provincia di L’Aquila e in particolare nella Valle Peligna, nella serata di eri, alle ore 21.00 circa, personale della Polizia di Stato in servizio presso la Sottosezione Polizia Stradale di Pratola Peligna, nei pressi del casello autostradale A.25 di Sulmona, all’altezza della progressiva chilometrica 03+400 della S.P. 49, procedeva al controllo dell’autovettura Ford Fiesta di colore nero targato DW069EW.A bordo erano presenti quattro persone di cui tre di origine campana e una di Chieti i quali,
in evidente stato di agitazione e in contraddizione tra di loro nel dichiarare agli agenti da dove provenissero, venivano sottoposti a perquisizione personale estesa al veicolo.
In dosso ognuno dei predetti, occultate negli indumenti e avvolte con pellicola per  alimenti, aveva mazzette di banconote di euro 20.00 per un totale di euro 2.960,00 che, sottoposte ad una prima verifica sull’autenticità, risultavano contraffatte come poi confermato dalla sede di Pescara della Banca d’Italia e sottoposte a sequestro.

Pertanto, dopo gli ulteriori accertamenti del caso, le quattro persone, ovvero M.C. di anni 45, nato a Castellammare di Stabia (NA), M.M. di anni 25 nato a Castellammare di Stabia (NA) , D.M.S. di anni 25 nato a Chieti e M.C. di anni 62 nata a Castellammare di Stabia (NA) venivano deferite all’Autorità Giudiziaria per detenzione di monete contraffatte.
E’ da ritenere che i quattro, dopo aver ottenuto le banconote false da abili falsari che notoriamente sono attivi nell’area geografica campana, avessero intenzione di spenderle negli esercizi commerciali dell’area di Sulmona con grave danno economico per quella zona e i suoi abitanti.

VIDEO IN PRIMO PIANO :