-ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Premiati gli 'eroi' del Covid:Ecco perché e chi sono- Italia libera dal lockdown: Tutte le regioni riaprono- Salgono i contagi, 318 in più: Sono 8 le regioni senza casi- Proteste in Usa, altri 2 morti Trump: 'Mobiliterò l'esercito'- Mattarella: 'Crisi esige unità, responsabilità, coesione'- 'Serve uno sforzo comune, non ci si può dividere ora'- 'Il virus non esiste più': Zangrillo crea un caso- Floyd, sesta notte di incidenti:Tafferugli alla Casa Bianca-

news

Post in evidenza

ABRUZZO, MONTAGNA: GIORNATA IMPEGNATIVA PER L’ELISOCCORSO, 4 INTERVENTI IN POCHE ORE

L'AQUILA – Giornata impegnativa per le eliambulanze del 118 di L’Aquila e Pescara, che ieri sono intervenute in ben 4 operazioni di so...

VIDEO IN PRIMO PIANO - CENTROABRUZZONEWS

martedì 27 marzo 2018

AUTOFFICINA SMALTIVA ABUSIVAMENTE RIFIUTI PERICOLOSI, DENUNCIATO UN 52ENNE

SULMONA – Gestiva e smaltiva illecitamente rifiuti pericolosi all’interno dell’opificio. Protagonista della vicenda è L.S., sulmonese di 52 anni, titolare di un’autofficina che è stato denunciato nei giorni scorsi dai Carabinieri Forestali nel corso di un controllo nel Nucleo Industriale di Sulmona. Di autofficine e opifici i Forestali, coordinati dal Luogotenente Roberto Tirino, ne stanno passando al setaccio con una serie di controlli a tappeto, almeno uno a settimana a giudicare dagli ultimi episodi rimbalzati agli onori della cronaca.
Durante un primo controllo nell’autofficina gestita da L.S., i militari hanno trovato un pozzetto che portava ad una vasca di scolo, piena di un notevole quantitativo – 500 litri circa – di una sostanza oleosa non identificata. Grazie alle analisi chimiche effettuate dall’Arta, è emerso che si tratta di una miscela di rifiuti speciali pericolosi, in prevalenza idrocarburi, con caratteristiche di tossicità ed eco-tossicità molto elevate. I militari della Stazione Carabinieri Forestale di Sulmona hanno quindi segnalato all’autorità giudiziaria il titolare dell’autofficina che gestiva e smaltiva illecitamente rifiuti pericolosi all’interno dell’opificio.

VIDEO IN PRIMO PIANO :