ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Salvini:'Estremista chi guida l'Ue. Non siamo ultradestra'- Salvini: 'Se vinciamo tassa al 15%, Lega garanzia stabilità'- Di Maio: 'Sono preoccupato dall'ultradestra'- Salvini-Di Maio,lite continua M5s: in gioco tenuta governo- Autorizzato lo sbarco delle famiglie della Sea Watch-

news

VIDEO IN PRIMO PIANO - CENTROABRUZZONEWS

giovedì 29 marzo 2018

LA TRINITÀ ENTRA NELLE SCUOLE. TUTTO PRONTO PER LA PROCESSIONE DI DOMANI

SULMONA – L’Arciconfraternita della Santissima Trinità entra nelle scuole per spiegare la storia della Pasqua trinitaria, la Processione del Cristo Morto e tutti i simboli che si celano dietro la tradizione. E’ uno dei progetti portati avanti dall’arcisodalizio, curato più da vicino da Gianluca Di Bacco, componente del direttivo, che punta ad avvicinare le giovani generazioni all’Arciconfraternita e a raggiungere il tanto faticoso ricambio generazionale. Se ne è parlato ieri sera nel corso della rubrica sociale “Un Occhio per Tutti” dedicata alla Processione del venerdì santo che domani rivive in città e per il 191 esimo anno di fila sarà organizzata dai trinitari.
Mancano una manciata di ore e fervono ancora i preparativi. Saranno circa 300 le persone che animeranno il corteo processionale. Solo il coro, diretto da Alessandro Sabatini e Mirko Caruso, conterà dai 120 ai 140 elementi mentre 60 saranno i lampioni. La Processione uscirà dalla Chiesa della Trinità all’imbrunire e lì rientrerà dopo aver fatto il giro delle strade cittadine. Sarà un’edizione all’insegna della sicurezza con un occhio di riguardo per le cosiddette zone di ammassamento. “Non ci saranno stravolgimenti al percorso”- afferma il Rettore dell’arcisodalizio Antonio Di Nino nell’anno che sancisce la conclusione di un percorso che lo vede a capo dell’Arciconfraternità da 10 anni. “E’ stato un periodo che non dimenticherò mai soprattutto se ripenso a quando ci siamo insediati”- prosegue. La vera novità ha un nome e un cognome, Michele Fusco, il vescovo di Sulmona-Valva, che fa il suo esordio nella Pasqua e nelle processioni. Un motivo in più perché tutto fili liscio.

VIDEO IN PRIMO PIANO :