ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Mattarella: 'Accertare verità' Recuperato l'ultimo corpo- Funerali di Stato, Bagnasco: 'Squarciato cuore di Genova'- I giocatori di Genoa e Sampdoria insieme ai funerali- I familiari: li hanno uccisi. Funerali di Stato per pochi- Trovata l'auto di una famiglia, le vittime sono 41- Disastro a Genova: Conte, al via iter revoca concessione ad Autostrade - Protezione Civile, 5 dispersi Forse rottura tirante acciaio-

news

News - Primo Piano

CADE FULMINE E SPEZZA UN ALBERO IN PIAZZA CAPOGRASSI A SULMONA

VIDEO IN PRIMO PIANO - CENTROABRUZZONEWS

martedì 8 maggio 2018

STRADA 487 CHIUSA. SINDACI E CITTADINI UNITI NELLA PROTESTA

PACENTRO - Sulla strada 487, a tre km da Pacentro, è scattata la protesta contro la chiusura della strada che porta a Passo San Leonardo. In prima fila i sindaci con tanto di fascia tricolore che si sono schierati dalla parte della comunità e di chi da troppi anni lotta per la riapertura di quell’arteria stradale. La goccia che ha fatto traboccare il vaso è stata la disposizione dei blocchi di cemento che ha mandato su tutte le furie tanto il sindaco di Pacentro Guido Angelli, che ha chiamato a raccolta colleghi e cittadini per far sentire la voce delle singole comunità, quanto gli operatori economici della zona che ormai sono sul piede di guerra e non sanno più a chi appellarsi per far valere le loro ragioni.
“Chi mette una firma non si rende conto delle conseguenze che si creano per chi ha deciso di investire in montagna e di viverci. Bastava fare manutenzione ordinaria, cosa ai più sconosciuta”- intervengono i titolari di alcune attività nella zona di Passo San Leonardo e Fonte Romana che sono scesi in piazza con tutte le preoccupazioni che da tempo si portano dietro.
Ad aprire la manifestazione è stata la rabbia del sindaco Angelilli che ha chiesto al Presidente della Provincia dell’Aquila Angelo Caruso e al Dirigente Bonanni di sedersi di nuovo sul tavolo con una programmazione precisa. “E’ inconcepibile che prima si annunciando i fondi e la riapertura in quindici giorni e poi arrivano i blocchi di cemento e nemmeno ci si può nascondere dietro la formula dell’incolumità pubblica. Che vuole dire che finora la vita della gente non è stata presa in considerazione o forse noi non ci teniamo?”- si domanda il sindaco di Pacentro che guida la protesta. Al suo fianco i sindaci di Sant’Eufemia a Majella, Palena, Cansano, Campo di Giove e Castelvecchio Subequo. Ora scatteranno i ricorsi per impugnare l’ordinanza emessa dalla provincia che si vanno ad aggiungere alle iniziative legali messe in campo dai privati. Ma la protesta non cesserà.

VIDEO IN PRIMO PIANO :