-ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Sono 78 le vittime in 24 ore mai così poche dal 2 marzo- Speranza: 'A settembre le scuole riapriranno per tutti'- La Giunta decide su Salvini Italia Viva: 'Non votiamo'- Scontro sulle guardie civiche Governo: 'Sì a sorveglianza'- La movida divide i sindaci scontro sugli assistenti civici- A Pompei ecco il mistero della piccola Mummia- Accordo sulla scuola, il concorso dopo l'estate-

news

Post in evidenza

PRATOLA INSIEME:"SIAMO LIETI CHE IL SINDACO DI NINO ABBIA VOLUTO INCONTRARE I RAPPRESENTANTI DELLE ASSOCIAZIONI E DELLE ISTITUZIONI IMPEGNATE NEL SOCIALE"

PRATOLA - "Siamo lieti che il Sindaco Di Nino abbia voluto incontrare i rappresentanti delle associazioni e delle istituzioni impegna...

VIDEO IN PRIMO PIANO - CENTROABRUZZONEWS

martedì 29 gennaio 2019

A LEZIONE DI PANE CON IL PANETTIERE ADRIANO DEL MASTRO, DA CAMPO DI GIOVE AL “GAMBERO ROSSO”, PARTENDO DALL’ALBERGHIERO DI ROCCARASO

ROCCARASO - Si fa presto a dire pane. Ma forse non tutti sanno che proprio quello che da sempre il cibo per eccellenza richiede, per la sua preparazione, una cura e un’attenzione speciali. Oltre a tempi molto lunghi. Lo sa bene Adriano Del Mastro, 30enne campogiovese, ex alunno dell’Istituto alberghiero “De Panfilis” di Roccaraso e ora nell’Olimpo dei panificatori “di ricerca” premiati da “Gambero Rosso”. Questa mattina, Adriano è tornato nella sua scuola per condividere la sua esperienza e raccontare un po’ di quel lavoro che dall’Abruzzo lo ha portato a Monza dove, con la moglie, gestisce un panificio con sette dipendenti.
Lo studio e la ricerca delle materie prime sono gli elementi cardine intorno a cui si è incentrata la lezione di Adriano.  «Abbiamo avuto chef stellati, sommelier, pasticceri». è intervenuto il Dirigente Scolastico, Pino De Stavola, «non poteva mancare un panificatore che, nato professionalmente nella nostra scuola e in questo territorio, ha saputo portare in alto il nome dell’Abruzzo e del “De Panfilis” in tutta Italia. Per i nostri studenti è un’altra preziosa occasione di conoscenza e condivisione di esperienze di eccellenza che hanno avuto le basi proprio tra i banchi della loro stessa scuola». «Sono arrivato qui in seconda», ha raccontato ai ragazzi, «dopo aver sbagliato la prima scelta della scuola superiore. Avevo poche certezze e tra queste quella di voler cucinare, cosa che facevo dall’età di 13 anni. Mi sono formato al ristorante “Reale” di Niko Romito. Poi, innamorato della panificazione, sono arrivato a Roma da Michele Bonci». Poi ancora Milano e, un anno e mezzo fa, l’idea di aprire un’attività in proprio passata, in questi mesi dai 3 ai 500 scontrini al giorno.

 «Però. ragazzi», ha aggiunto Adriano, mentre io ragazzi assaggiavano il suo pane, «tutto è partito da qui, dalla mia che oggi è anche la vostra scuole che sono felice di vedere sempre così viva». Il resto è la passione per il suo lavoro. La ricerca di farine biologiche e grani antichi. La lavorazione col lievito madre. Un’altra bella storia. Anche questa nata tra i banchi della scuola più alta d’Abruzzo.
                                   

Nessun commento:

Posta un commento

VIDEO IN PRIMO PIANO :