ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Salvini attacca: 'Troppe opere bloccate dal Mit'- Incendio doloso: Caos treni, pista anarchica.Ritardi fino a quattro ore. Tilt treni tra Roma e Firenze- Incendiata cabina elettrica- Salvato l'alpinista italiano ferito in Pakistan, è in ospedale- Alpinista italiano ferito in Pakistan 'Moavero ci aiuti'-

news

VIDEO IN PRIMO PIANO - CENTROABRUZZONEWS

venerdì 14 giugno 2019

NICOLETTA VERÌ, ASSESSORE REGIONALE ALLA SALUTE, INCONTRA L’ASSOCIAZIONE RIPENSIAMO IL TERRITORIO, SUI TEMI DELLA SANITÀ

E RiT sollecita l'Amministrazione Comunale di Popoli, ad assumere al più presto il doveroso ruolo di coordinamento, proposta e confronto su queste tematiche decisive per l’area
L'AQUILA - Martedì  12 giugno 2019, una qualificata delegazione dell'associazione Ripensiamo Il Territorio (RiT) è stata ricevuta dall'Assessore regionale alla Salute, dott.ssa Nicoletta Veri'. Le è stata consegnata una cartella esaustiva dell’attività associativa in questi recenti 5 anni. C’è stata occasione per una riflessione su diversi problemi  caratterizzanti  Sanità Regionale delle aree interne a cui l’Associazione è interessata come mission,  ma anche sulle problematiche della qualità di ristrutturazione di un adeguato servizio dal quale le aree interne non possono prescindere senza esserne penalizzate in modo irrimediabile.
L’assessore ha condiviso che le decisioni per la riorganizzazione dei servizi , appunto, siano assunte, con il coinvolgimento dal basso delle popolazioni residenti,  attraverso i competenti livelli istituzionali territoriali cosa che sta facendo già facendo incontrando Sindaci e Associazioni del territorio. A tal proposito si coglie l’occasione per sollecitare l'Amministrazione Comunale di Popoli, ad assumere al più presto il competente e doveroso ruolo di coordinamento, proposta e confronto su queste tematiche decisive e che saranno l'asse portante delle sorti future della nostra area. Nel contempo l’Assessore ha espresso la sua forte convinzione a voler accelerare il potenziamento del polo Riabilitativo di Popoli, con un coinvolgimento organico del presidio termale popolese nella filiera riabilitativa e ribadendo anche la Riabilitazione Intensiva, la Medicina Riabilitativa intensiva di II e III livello e UGRAI a valenza regionale, e anche la volontà di ripristinare la pianta organica del personale compromessa anche dalle contrazioni determinate dalle uscite di “quota 100”. Tutto ciò  ha fatto intravedere, finalmente, forse, una inversione di tendenza per il futuro dell'Ospedaliero di Popoli. Ovviamente nel tenere sempre presente la realtà dei limiti imposti della “legge Lorenzin”,  troppo rigidi, ha sottolineato in questo momento l’imprescindibilità dall’applicazione, fino al 2021, dei  dettati dell'emendamento “Castricone”. L’Associazione, ringraziando di nuovo l'assessore regionale per la volontà di confronto dimostrata, ha messo, e mette, a disposizione il patrimonio di analisi ed elaborazione che detiene per rilanciare il concetto di Sanità e dei presidi ospedalieri con proposte concrete e soluzioni valide ed efficaci per il territorio delle aree interne.

Nessun commento:

Posta un commento

VIDEO IN PRIMO PIANO :