ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Salvini:'Estremista chi guida l'Ue. Non siamo ultradestra'- Salvini: 'Se vinciamo tassa al 15%, Lega garanzia stabilità'- Di Maio: 'Sono preoccupato dall'ultradestra'- Salvini-Di Maio,lite continua M5s: in gioco tenuta governo- Autorizzato lo sbarco delle famiglie della Sea Watch-

news

VIDEO IN PRIMO PIANO - CENTROABRUZZONEWS

giovedì 22 luglio 2010

TOCCO CASAURIA E' IL PRIMO COMUNE RICICLONE DELLA PROVINCIA


Comuni Ricicloni: Tocco da Casauria è primo in Provincia.Due progetti saranno dedicati all’abbattimento dei rifiuti.Per “Comuni Ricicloni 2010”, il rapporto sulla gestione dei rifiuti e la raccolta differenziata in Italia presentato anche quest’anno da Legambiente, Tocco da Casauria è al 57esimo posto nella graduatoria di categoria: secondo tra i comuni della Regione Abruzzo e primo nella Provincia di Pescara.Un risultato che conforta il lavoro costante che l’amministrazione comunale e in particolare l’assessore all’ambiente e territorio Vittorio Tarquinio profondono nel cercare di anno in anno le soluzioni migliori per dare un servizio adeguato ai cittadini e promuovere la cultura del risparmio e del riciclo dei materiali di scarto.Un risultato che è frutto anche di piccole ma significative attenzioni, dalla raccolta porta a porta al sistema di raccolta degli olii esausti e di frittura, all’utilizzo di materiale biodegradabile nella mensa scolastica.Ora si tratta di sviluppare un serio programma di abbattimento dei quantitativi di rifiuti che ancora oggi vengono destinati alla discarica. Due progetti andranno in questa direzione.Innanzi tutto un incentivo economico alle famiglie che affrontano l’avventura della nascita di un bimbo, alle quali saranno rimborsati 300 € qualora decidessero di sostituire (almeno in parte) l’uso dei pannolini usa e getta con quello di pannolini lavabili, ormai in commercio da anni.Il secondo passo sarà quello di aderire alla campagna europea per l’abolizione dell’uso dei sacchi in plastica, una delle principali fonti di inquinamento dei mari. Uno sforzo che l’amministrazione intende sostenere come sempre ha fatto, ma che ormai non può più prescindere da una politica provinciale e regionale che incentivi i Comuni virtuosi e crei gli impianti adeguati.«Il fatto che siamo in pochi ad essere premiati in Abruzzo – precisa il sindaco Riziero Zaccagnini – non è certo un vanto per la politica regionale che, piuttosto che parlare di inceneritori, dovrebbe senza indugio stanziare fondi per un’impiantistica diffusa per il riciclaggio e per la lavorazione dei rifiuti organici e scardinare il sistema semi-monopolistico della gestione dei rifiuti sui nostri territori».

Nessun commento:

Posta un commento

VIDEO IN PRIMO PIANO :