-ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Arcelormittal: Inchiesta anche a Taranto Pd-M5s divisi sullo scudo- Milano indaga su Mittal, scontro sullo scudo penale- Venezia, peggiora previsione.Oggi attesa marea di 160 cm- Mittal, oggi l'incontro al Mise. Entro 15/1 altiforni spenti-

news

VIDEO IN PRIMO PIANO - CENTROABRUZZONEWS

mercoledì 27 luglio 2011

METANODOTTO, I COMITATI AI PARLAMENTARI "FERMATE DECISIONI SCIAGURATE"

SULMONA – I Comitati bacchettano con grinta i due onorevoli sulmonesi in una lettera aperta criticando l’atteggiamento di “totale disinteresse” riguardo il caso metanodotto snam a Sulmona, sollecitandoli quindi a un impegno alla camera. La Commissione Ambiente della Camera voterà, a breve, una risoluzione che prevede di rimettere in discussione il progetto Snam attraverso un apposito tavolo, con tutti i soggetti interessati, al fine di individuare soluzioni alternative. Ma, per essere approvata, la risoluzione necessita del voto della maggioranza parlamentare, di cui voi siete parte.  Perciò il vostro impegno e la sensibilizzazione sui vostri colleghi possono fare la differenza. Non si sta chiedendo la luna: è semplicemente quello che, come cittadini, riteniamo debba essere un vostro dovere”.   “Al  termine dell’audizione della Snam,  avvenuta lo scorso 13 luglio presso la Commissione Ambiente della Camera dei  Deputati,  i due parlamentari del PDL, Gibiino e Stradella,  hanno sollecitato la realizzazione in tempi rapidi del metanodotto “Rete Adriatica” e della centrale di compressione a Sulmona. Ci aspettavamo una vostra presa di posizione
in risposta ai due deputati, ma visto il perdurare del vostro silenzio,  ci sentiamo in dovere di rivolgervi pubblicamente la presente lettera”. Sulla questione del megagasdotto Snam  sono state messe in atto molteplici iniziative : dibattiti, manifestazioni, convegni, interrogazioni parlamentari; si è anche costituito un coordinamento interregionale tra Istituzioni e comitati cittadini; nel corrente mese di luglio ci sono state due audizioni a Palazzo Montecitorio: ebbene, in nessuna di queste occasioni voi siete stati presenti né avete fatto conoscere la vostra opinione. Possiamo anche capire che ai vostri due colleghi deputati, uno siciliano e l’altro piemontese, non importi nulla del devastante impatto dell’opera, che per 687 km da sud al nord attraverserà 10 Regioni, ma non le loro.
Quello che comprendiamo molto meno, è il vostro totale disinteresse al riguardo. Eppure nell’agenda degli impegni di un parlamentare ai primi posti dovrebbero esserci  le questioni preminenti del territorio di cui si è espressione, altrimenti a cosa serve avere un deputato, anzi due? Oppure pensate che un’opera mastodontica  come questa, che massacrerà il nostro territorio senza  alcun beneficio, sia un’inezia? O che la centrale di compressione avrà effetti benefici sulla salute pubblica e incentiverà il turismo? Pensate che sia normale che un metanodotto, progettato per passare altrove (infatti si chiama “Rete Adriatica”) venga invece dirottato, senza plausibili motivazioni, lungo la dorsale appenninica , cioè nelle aree a più elevata valenza ambientale e a più alto rischio sismico?
Pensate che sia accettabile imporre ad aree già in gravi difficoltà e che lottano per la sopravvivenza,   altri pesi e rischi che avranno, come conseguenza, un ulteriore depauperamento?
Il nostro territorio necessita di seri interventi che lo aiutino a risollevarsi: invece, tra crisi galoppante, spoliazioni, tagli, nuovi balzelli e nuove servitù,  si sta facendo di tutto per affossarlo definitivamente.
E chi più di ogni altro dovrebbe battersi contro chi  ci sta rubando il diritto ad avere un futuro se non voi che siete i  nostri parlamentari?”  “A rischio di apparire come dei sognatori noi, da “inguaribili ottimisti” concludono “continuiamo a sollecitarvi affinchè interveniate per fermare decisioni sciagurate”. 

Nessun commento:

Posta un commento

VIDEO IN PRIMO PIANO :