-ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Conte: 'Ridisegnare il Paese, fisco iniquo, serve riforma'- Premiati gli 'eroi' del Covid:Ecco perché e chi sono- Italia libera dal lockdown: Tutte le regioni riaprono- Salgono i contagi, 318 in più: Sono 8 le regioni senza casi- Proteste in Usa, altri 2 morti Trump: 'Mobiliterò l'esercito'- Mattarella: 'Crisi esige unità, responsabilità, coesione'- 'Serve uno sforzo comune, non ci si può dividere ora'-

news

Post in evidenza

AL VIA I LAVORI PER REALIZZARE ROTATORIE IN TRE INCROCI

SULMONA - "Dal momento del mio insediamento mi sono messo subito al lavoro in sinergia con Anas, che ha appaltato i lavori a una ditt...

VIDEO IN PRIMO PIANO - CENTROABRUZZONEWS

lunedì 29 agosto 2011

TAGLI FONDI A CATEGORIE SVANTAGGIATE, SCLOCCO: "PREVEDIBILE LA PROTESTA"



PESCARA - Parte da Pescara il tam tam che chiama l'Italia della disabilita' e tutto il mondo dell'associazionismo a manifestare contro i fitti tagli al sociale previsti dalla manovra finanziaria. Una manifestazione di protesta contro la mannaia che si abbatte sui fondi destinati alle categorie svantaggiate, ai disabili e alle famiglie che presto vedranno interrotti i servizi importanti. Le associazioni che si occupano di disabilita', sono in stato di mobilitazione contro la manovra di governo che - dice la consigliera regionale del Pd, Marinella Sclocco - uccide pensione d'invalidita', assegno di accompagnamento, assistenza domiciliare, trasporto e assistenza creando

anche problemi occupazionali a tutti gli operatori del settore (assistenti, fisioterapisti, fornitori di ausili e servizi ecc.)". "Aderisco all'iniziativa, una protesta che era prevedibile visto l'atteggiamento scellerato e superficiale del Governo nazionale e regionale nei confronti delle Politiche Sociali" afferma Sclocco. "Il nostro gruppo in Consiglio regionale si e' battuto molto e ha lavorato generosamente per migliorare il Piano Sociale Regionale Triennale ma, cosi' come avevamo intuito, i fondi necessari per garantire alle categorie piu' deboli i dignitosi servizi fin'ora erogati non ci sono. Proprio per questo non l'abbiamo votato". "Tutto quello che abbiamo denunciato in passato - conclude- anche essendo stati accusati di falsi allarmismi, purtroppo si sta verificando. Associazioni e cooperative sociali che non sono piu' in grado di pagare gli stipendi agli operatori. Il servizio di trasporto e assistenza scolastica non ha la copertura economica sufficiente per garantire la continuita'".

Nessun commento:

Posta un commento

VIDEO IN PRIMO PIANO :