-ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Salvini:'Noi Italia orgogliosa': Berlusconi: 'Uniti vinciamo'- Brexit: Johnson chiede l'ok al deal: 'Ora è tempo di decidere'- Tenta di sgozzare la fidanzata. Nel 2008 uccise la compagna- Arrestato per maltrattamenti l'ex boss Maniero- Renzi all'attacco su Quota 100: 'La cancelliamo'- Bimbo precipita a scuola, è grave-

news

News - Primo Piano

AUTO PRECIPITA NELLA SCARPATA. FERITA UNA COPPIA DI ROMA

VIDEO IN PRIMO PIANO - CENTROABRUZZONEWS

lunedì 26 settembre 2011

METANODOTTO, REGIONE RINVIA. COMITATI "CONTESTAZIONE FONDATA"

SULMONA - "La contestazione dei comitati è fondata. la Regione rinvia al 25 ottobre la conferenza dei servizi inizialmente fissata per il 29 settembre". Così i comitati per l'ambiente di Sulmona convinti che questa vicenda sia emblematica di come "si stia cercando, in tutti i modi, di forzare i tempi rispetto ad un’opera fortemente impattante, pericolosa per la sicurezza e salute dei cittadini e dannosa per l’economia locale. Un’opera che non ha nulla a che fare con il nostro territorio perché essa è di servizio al megagasdotto Brindisi-Minerbio".
"Con una nota fatta pervenire  via Fax agli Enti interessati" scrivono in un comunicato "la Regione, nella tarda mattinata di oggi, ha comunicato il rinvio della Conferenza dei servizi sulla centrale di compressione della Snam al 25 ottobre prossimo.  Formalmente il rinvio della Conferenza, inizialmente convocata per il 29 settembre , è stato richiesto dalla stessa Snam ( richiesta assunta al protocollo della Regione nella stessa giornata di oggi). In realtà il rinvio è conseguenziale alla contestazione sollevata dai Comitati per l’ambiente  sulla mancata trasparenza del procedimento e sulla impossibilità di produrre osservazioni in merito al progetto. La legge (comma quattro dell’art. 29-quater del D.Lgs. 152/06 titolo III-bis) stabilisce che “entro trenta giorni dalla data di pubblicazione dell’annuncio di cui al precedente comma 3 i soggetti interessati possono presentare in forma scritta, all’autorità competente, osservazioni sulla domanda”.
 Al momento della convocazione della Conferenza dei Servizi per il 29 settembre l’annuncio, da parte della Snam, non era ancora stato pubblicato. La pubblicazione è avvenuta solo il 20 settembre sul  quotidiano “Il Tempo”, edizione Abruzzo, ma fino ad oggi la notizia ancora non era riportata sul sito web della Regione, come invece prevede la legge.  Pertanto, dal  20 settembre, partono i 30 giorni prescritti per produrre eventuali osservazioni. La conseguenza è che la Conferenza dei servizi non poteva essere convocata prima dello scadere dei 30 giorni, cioè prima del 20 ottobre.
Con lettera raccomandata r/r del 19 settembre   (anticipata via fax) i Comitati avevano fatto presente al Responsabile del Servizio Politica Energetica della Regione Abruzzo che non ritenevano valida la convocazione, in quanto essa ledeva  diritti fondamentali quali quelli della trasparenza del procedimento e della partecipazione dei cittadini. Dalla Regione non ci è giunta, finora, nessuna risposta formale. La risposta è nei fatti, con il rinvio della Conferenza dei servizi"
"I cittadini continueranno a contrastare con tutti i mezzi previsti dalla legge questo folle progetto che tratta il nostro territorio al pari di una colonia e  vorrebbe togliere alla nostra comunità il diritto di decidere del proprio futuro".

Nessun commento:

Posta un commento

VIDEO IN PRIMO PIANO :