ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Libera Deborah dopo la morte del padre violento- Di Maio: 'Su dl sicurezza Lega ora vuole lo scontro col Colle?'- Morto Niki Lauda, leggenda della Formula Uno- Zingaretti: 'Paralisi governo e i conti sono fuori controllo'- Bologna, scontri per il comizio di Forza Nuova-

news

News - Primo Piano

L'AUTISMO, INCONTRO ISTITUZIONI SCUOLA E FAMIGLIA A SULMONA

VIDEO IN PRIMO PIANO - CENTROABRUZZONEWS

giovedì 27 ottobre 2011

CHIUSURA NEONATOLOGIA, ANCHE SULMONA RISCHIA. SCLOCCO "SI TAGLIA SULLA VITA"


SULMONA – Anche l’ospedale di Sulmona rischia di essere tra i cinque che resteranno privi dei reparti che ruotano attorno alle nascite.  E’ quanto ha comunicato nei giorni scorsi la sub commissaria alla sanità regionale Angela Baraldi. Avvisati, intanto, direttamente ai primari nei nosocomi interessati dal provvedimento. Oltre a quello di Sulmona rischiano di perdere neonatologia, pediatria, ginecologia e ostetricia i presidi ospedalieri di Atri, Sant'Omero, Penne e Ortona. Si tratta di un riassetto che segue quello del settore emergenza-urgenza, nell’ambito delle linee guida sulla sanità stabilite dal Ministro della Salute Ferruccio Fazio. Entro cinque anni, dunque, con il taglio dei punti nascite le future mamme saranno costrette ad emigrare fuori regione o a partorire il proprio bimbo in casa. Come in tempi antichi. Dalla Valle Peligna, le gestanti saranno costrette a percorrere circa 70 chilometri (da Castel di Sangro 120 chilometri), per raggiungere gli ospedali di Avezzano, L'Aquila e Pescara.
 "Pur di ridurre la voce dei costi della sanita' ora si taglia anche sulla vita". E’ il commento della consigliera regionale del Pd, Marinella Sclocco. Si era parlato del problema gia' un anno fa, grazie al question-time inoltrato dalla stessa Sclocco che poneva il quesito al governatore e commissario alla sanita' Gianni Chiodi. "Si intuiva il percorso che i commissari stavano intraprendendo sul problema punti nascita", afferma. "La politica dei commissari in Abruzzo e' chiara: pur di raggiungere il pareggio di bilancio
 

in materia di sanita' non si esita a tagliare ovunque. Presto inizieremo quindi a registrare una mobilita' passiva anche per il parto". "La chiusura di Penne - afferma Marinella Sclocco - e' fatto grave, considerando che il polo materno infantile previsto a Pescara non e' mai decollato e che gia' l'anno scorso Pescara registrava piu' di 2500 parti all'anno. Siamo certi che questa politica possa rispondere davvero alle esigenze del territorio? Non dimentichiamo l'assetto geomorfologico della nostra Provincia e della Regione intera. Non abbiamo certo delle facili percorrenze verso la citta'". "Inoltre - conclude la Sclocco - sembra che solo oggi si evidenzi l'aumento del ricorso al parto cesareo, eppure i dati forniti dal noi del PD a novembre scorso avevano gia' dimostrato quanto incidevano sulla spesa sanitaria che poteva essere notevolmente ridotta con l'istituzione del Parto in analgesia, pratica inserita nei livelli essenziali (LEA) del progetto Salute del ministro Livia Turco - DPCM del 23 aprile 2008. Certo non senza un investimento iniziale legato alla formazione del personale. Investimento che potrebbe divenire nel tempo un risparmio oltre che un segnale di civilta' e rispetto nei confronti delle donne".



VIDEO IN PRIMO PIANO :