ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Maturità 2019: Ungaretti e Sciascia tra i temi. Ma anche Dalla Chiesa- Conte: 'Dialogo sull'infrazione ma decisi sulla nostra linea'- Al via con la prova di italiano Ungaretti, Stajano e Sciascia- Tria sotto assedio del Carroccio- Mondiali 2022 in Qatar: Platini fermato per corruzione-

news

News - Primo Piano

NO HUB DEL GAS, "SIT- IN ANTI SNAM A SULMONA"

VIDEO IN PRIMO PIANO - CENTROABRUZZONEWS

mercoledì 29 febbraio 2012

MONDIALI SCI, PRIMA PROVA DISCESA LIBERA MASCHILE MIGLIOR TEMPO PER KARELLY

ROCCARASO - Ha preso il via questa mattina la prima prova cronometrata della discesa libera maschile sulla pista Direttissima del Monte Pratello a Rivisondoli, domani, invece, lo speciale donne anziché il gigante. L’austriaco Mario Karelly (foto) col tempo di 1’13”31 è stato il più veloce con appena 3 centesimi di vantaggio sul tedesco Manuel Schmid e di 6/100 sul francese Mathieu Favre. Migliore degli Azzurri era risultato Matteo De Vettori,
nono a 1”10 dal leader ma è stato squalificato così come altre tra atleti che erano entrati nei 10. Quindi il migliore degli Azzurri è stato Andrea Ravelli decimo e poco più indietro gli altri ragazzi di Matteo Joris che hanno più che altro cercato di studiare le linee, senza tirare più di tanto. La prova si è disputata sotto uno splendido sole e in assenza di vento, tranne che nella primissima parte, ma senza creare particolari fastidi. La neve ha tenuto molto bene per i primi 25/30 atleti poi ha cominciato a cedere un poco. La prova l’ha data il tedesco Schmid che ha concluso secondo partendo col 21, ma anche l’austriaco Nicklas Koeck, pettorale 23 ha ottenuto il decimo tempo.  Al traguardo, soddisfatti i nostri 6 atleti che hanno gradito il tracciato dove si può attaccare. Particolare attenzione dovrà essere data “All’uscita del muro perché se si sbaglia lì, poi sul piano si paga” ha detto Matteo De Vettori. Tra i passaggi più impegnativi: “la prima curva, perché si arriva lenti ma gira parecchio, per cui non è stato facile prendere il giusto anticipo” è stato il commento di Andrea Ravelli. Per la gara di dopodomani sarà comunque importante partire tra i primi e qui ci siamo perché gli azzurrini partono tutti tra i quindici, tranne Baruffali (oggi aveva il 27). Tra i migliori anche l’americano Ryan Cochran-Siegle, figlio d’arte poiché sua madre Barbara vinse la medaglia d’oro in slalom alle Olimpiadi del ’72. “Ma non mi ha dato nessun consiglio perché con la discesa lei non ci capisce tanto” ha detto il simpatico statunitense di Strackboro nel Vermont, che compierà vent’anni proprio a Roccaraso, il 7 marzo. Indicato dal tecnico Azzurro Joris come pretendente al podio (assieme a svizzeri, austriaci, francesi e ovviamente ai suoi ragazzi), Ryan ha esordito nelle prime gare Fis nel 2007 come slalomista. Poi pian piano si è avvicinato alla velocità passando anche dal gigante. Vanta un terzo posto nella classifica generale della Nor-Am Cup nel 2010. Terminata la prova Buzzi, Battilani, De Vettori, Ravelli, Hofer e Baruffali andavano a cambiare sci per allenarsi un poco in slalom e in gigante, poi anche loro assieme a tutti gli altri atleti prenderanno parte alla Cerimonia di apertura prevista alle 18:30, con la presenza straordinaria di Alberto Tomba

CLASSIFICA 1° PROVA CRONOMETRATA
1. M. Karelly (AUT)        1’13”31
2. M. Schmidt (GER)     1’13”34
3. M. Faivre (FRA) 1’13”37
4. R. Cochran-Siegle 1’13”39
5. R. Weber (SUI) 1’13”96
6. F. Renz (GER) 1’14”51
7. N. Koeck (AUT) 1’14”61
8. M. Cater (SLO) 1’14”64
9. B. Bennet (USA) 1’14”64
10. A Ravelli (ITA) 1’14”68
Gli altri italiani
17. S. Baruffali 1’14”91; 19. A. Hofer 1’14”97; 23. H. Battilani 1’15”12; 34. E. Buzzi 1’15”93

Domani lo speciale donne anziché il gigante
 Arriva il caldo e per questioni di sicurezza si vuole dare qualche giorno in più alla pista Lupo dell’Aremogna per essere preparata a dovere La Fis ha deciso di modificare il programma di gara per domani. Doveva infatti andare “in onda” il gigante femminile invece scenderanno in pista le slalomiste sulla “Gran Pista” di Pizzalto. Un cambiamento maturato dalla certezza che domani si alzeranno le temperature per cui si vuole dare alla pista Lupo dell’Aremogna, deputata a ospitare il gigante, qualche giorno in più di preparazione, anche per questioni di sicurezza.


VIDEO IN PRIMO PIANO :