ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Alitalia, Ferrovie sceglie Atlantia- Savoini non ha risposto a pm Di Battista: "Salvini bugiardo"- Huawei investirà in Italia 3 miliardi di dollari in tre anni- Affondo di Conte su Salvini: 'Scorrettezza istituzionale'- Roma, sgombero di una ex scuola-

news

News - Primo Piano

GIOSTRA CAVALLERESCA E ANFFAS, INAUGURATO NEGOZIO IN CORSO OVIDIO

VIDEO IN PRIMO PIANO - CENTROABRUZZONEWS

mercoledì 30 maggio 2012

D'AMICO PRESENTA QUESTION TIME SU RITARDI RIMBORSI AI COMUNI ABRUZZESI


L'AQUILA - Sui ritardi dei rimborsi da parte della Regione ai comuni abruzzesi, che hanno sborsato fondi per far fronte all' emergenza neve lo scorso febbraio, pur avendo regolarmente rendicontato la spesa (secondo  disposizione regionale) il vicepresidente Consiglio regionale, Giovanni D'Amico, ha presentato il question time. "La Giunta regionale e l’assessore Giuliante sono latitanti  su questo argomento" dichiara Giovanni D’Amico PD  "ancora non è dato sapere  modalità e certezza dei tempi  e come   l’Assessore regionale  ed il Governo nazionale intendono  compensare  le Amministrazioni locali, ora pressate da
richieste di pagamento da parte dei fornitori di servizi ed attrezzature, e che vedono  aggravata la condizione economica e finanziaria dei propri bilanci.
Il Consiglio regionale, all’unanimità, ha approvato una risoluzione  il 14 febbraio 2012, ovvero subito dopo quei  drammatici giorni, che impegnava  il Presidente della Giunta e l’Assessore alla protezione civile  perché immediatamente  si rapportassero con  il  Governo assicurandosi che tutte le spese effettivamente sostenute dagli Enti locali per l'emergenza neve venissero  riconosciute e ristorate dallo Stato, richiedere l'esclusione dal Patto di stabilità per le spese sostenute dai Comuni per l'emergenza neve e il ripristino delle infrastrutture, chiedere al Presidente del Consiglio dei Ministri, al Ministro degli Interni, ai Presidenti di Camera e Senato ed ai Parlamentari abruzzesi, apposita norma che escludesse  per tale calamità, in Abruzzo e nel resto d'Italia, l'applicazione della disposizione legislativa contenuta nell'art. 5 quater della Legge 26 febbraio n.10/2011, assicurando le risorse finanziarie dello Stato per il ristoro dei danni ed il ripristino delle infrastrutture danneggiate. E’ stato fatto ? "si chiede D’Amico. "Ne il Consiglio regionale, né gli Enti locali  hanno avuto riscontro . Aspettiamo le risposte  nella seduta del 5 giugno pv"

VIDEO IN PRIMO PIANO :