ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Maturità 2019: Ungaretti e Sciascia tra i temi. Ma anche Dalla Chiesa- Conte: 'Dialogo sull'infrazione ma decisi sulla nostra linea'- Al via con la prova di italiano Ungaretti, Stajano e Sciascia- Tria sotto assedio del Carroccio- Mondiali 2022 in Qatar: Platini fermato per corruzione-

news

News - Primo Piano

NO HUB DEL GAS, "SIT- IN ANTI SNAM A SULMONA"

VIDEO IN PRIMO PIANO - CENTROABRUZZONEWS

martedì 24 settembre 2013

SEQUESTRO DI GENZIANA NELL'AQUILANO, SEI LE PERSONE DENUNCIATE

FONTECCHIO  - Nella tarda mattinata di domenica gli agenti del Corpo Forestale dello Stato di Fontecchio hanno fermato sei persone per aver effettuato attivita' di illecita raccolta di radici di genziana in area protetta, con l'ausilio di attrezzi da scavo. I raccoglitori abusivi, sono stati sorpresi con oltre 50 chilogrammi di radici fresche di genziana maggiore (Gentiana lutea) appena recise, mentre a bordo di due fuoristrada si allontanavano dalle zone di raccolta nelle vicinanze dell'abitato di S. Martino d'Ocre, in una delle aree piu' importanti del Parco regionale Sirente-Velino, classificata Sito di importanza comunitaria oltre che Zona di protezione speciale. Durante i controlli di rito, l'intenso aroma di genziana proveniente dall'interno degli abitacoli avvertito dai forestali, ha consentito di individuare nelle due autovetture sei zainetti pieni di radici e sei zappetti utilizzati per lo scavo. Accertamenti successivi hanno consentito di localizzare le aree di raccolta indiscriminata delle preziose piante situate in prossimita' di Monte d'Ocre a circa 1600 metri di quota. I raccoglitori abusivi sono stati identificati e denunciati all'Autorita' Giudiziaria per raccolta di flora spontanea e danneggiamento in area protetta, mentre le radici e gli attrezzi utilizzati per la raccolta sono stati sottoposti a sequestro. Rischiano fino a sei mesi di arresto o una pesante ammenda. Il Comandante provinciale della forestale, Nevio Savini, ricorda che "la raccolta di genziana e' vietata in tutta la regione Abruzzo sia all'interno che all'esterno di aree protette e che tale pratica espone al rischio di estinzione la specie oltre che provocare gravi danni agli ecosistemi in cui vive".

VIDEO IN PRIMO PIANO :