ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Roma, bus in fiamme in centro- Salvini: 'Se Lega primo partito, non poltrone ma flat tax'- Siria: Sandrini è stato liberato a Idlib- Bus si ribalta vicino a Siena, un morto- Decreto sicurezza è braccio di ferro, c'è la nuova bozza-

news

VIDEO IN PRIMO PIANO - CENTROABRUZZONEWS

venerdì 27 dicembre 2013

IL FILM "PARENTI SERPENTI" RITRASMESSO IERI SU LA 7

SULMONA - E' ormai diventato quasi un classico di natale il film "Parenti Serpenti"  di Mario Monicelli con Paolo Panelli, Alessandro Haber, Marina Confalone, Cinzia Leone e Pia Velsi.Infatti anche ieri nella giornata di S.Stefano l'emittente televisiva LA7 ha ritrasmesso il film girato quasi interamente  a Sulmona nel 1992.La pellicola è ambientata nel periodo delle festività natalizie a Sulmona,
città voluta dal regista rispetto alla vicina Lanciano proposta dallo sceneggiatore Carmine Amoroso per un'esperienza da lui lì vissuta. A casa degli anziani coniugi Saverio (Paolo Panelli), appuntato dei
Carabinieri in pensione, e Trieste (Pia Velsi), si riunisce la famiglia composta da quattro nuclei.Si sta per festeggiare il Natale e tutti i parenti si riuniscono per le feste. Tutto sembra andare per il meglio (cenone, messa di mezzanotte e scambio di regali), finché il giorno del pranzo di Natale, Trieste decide di fare un discorso ai figli: i due anziani genitori non se la sentono più di vivere soli e vorrebbero essere ospitati da uno dei figli, ma questi ultimi sono ben lungi dal desiderarlo. La soluzione al problema sarà trovata dai figli e si esternerà in un piano velenoso e criminoso che sarà realizzato nella notte di capodanno.La commedia è strutturata in due parti. Nella prima vengono ripresi stilemi e
la scena dell'esplosione
caratteristiche della commedia realistica di costume che verranno utilizzati poi nella seconda come veri e propri "detonatori" fino al feroce cinismo della conclusione del film.Fa da cornice alla trama uno scorcio di cultura e tradizioni popolari abruzzesi, che si evince dalle usanze tipiche natalizie della città di Sulmona ed anche da alcune frasi dialettali pronunciate nel corso del film che non ha riscosso grande successo al botteghino, ma ha guadagnato via via enormi consensi nelle riproposizioni televisive, divenendo un piccolo cult.Molti sono stati i sulmonesi che si sono rivisti nel film.Anche Paola Pelino, imprenditrice e poi parlamentare del PdL ora di FI, ebbe una piccola parte nel film (la moglie dell'avvocato Colacioppo).Alcune comparse sono purtroppo scomparse nel corso degli anni, ma rimarranno nella memoria dei sulmonesi.


le scene girate tra via Amendola e via Manlio D'Eramo a Sulmona



la Chiesa della Tomba nelle riprese della messa della vigilia di Natale








VIDEO IN PRIMO PIANO :