ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Bologna, scontri per il comizio di Forza Nuova- 'Picchia mio figlio e legge Anna Frank', sospesa- Salvini: 'Flat tax è frontiera della durata del governo'- Scontro sui migranti, Di Maio: 'Salvini nel pallone' Leader Lega: 'Onu burocrati'- Google e i big dei chip rompono con Huawei-

news

News - Primo Piano

89ENNE COLTO DA MALORE MUORE NEL SUO TERRENO AGRICOLO

VIDEO IN PRIMO PIANO - CENTROABRUZZONEWS

venerdì 28 marzo 2014

DISCARICA BUSSI, CHIODI"MAI AVUTO ANTICIPAZIONI DALL'ISS.PD"CHIACCHIERE DA FIGURANTE"


BUSSI  - "Non avevamo avuto alcuna anticipazione della relazione che l'Istituto superiore della sanita' ha depositato al processo di Chieti" (dove sono imputati, in Corte d'Assise, 19 ex amministratroi della Montedison, ndr). Lo ha affermato il presidente della Regione, Gianni Chiodi, aggiungendo che "la Regione e' stata sempre informata ed ha seguito direttamente l'evolversi della situazione del 'caso Bussi'. Cosi' come ha sempre seguito, soprattutto sui tavoli nazionali, tutte le tappe per la messa in sicurezza del sito e l'avvio delle procedure di bonifica, ma di questa relazione, che da quello che ci e' stato detto e' stata richiesta dall'avvocatura dello Stato per fare ordine nella parte pubblica sull'andamento del processo e fotografa la situazione al 2007, non abbiamo avuto alcuna anticipazione".
Su questo aspetto, Chiodi ha detto di aver parlato poco prima dell'insediamento del nuovo governo Renzi, con l'ex ministro dell'Ambiente Orlando "per lamentarsi dei ritardi del governo nell'erogazione dei 50 milioni di euro necessari per avviare la bonifica a fini della sola reindustrializzazione dell'ex sito". Un punto sul quale si sono trovati concordi il presidente della Regione e il sindaco di Bussi, Salvatore La Gatta: "I soldi stanziati nella finanziaria del 2010 ma entrati nella disponibilita' del commissario Goio solo nel novembre del 2013 - hanno detto - servono unicamente per bonificare a fini di reindustrializzazione dell'area", chiudendo in questo modo le porte "ad interpretazioni di parte su come utilizzare i 50 milioni di euro. I ritardi - hanno aggiunto - che si sono registrati sono da addebitare anche a interessi contrastanti che si sono concentrati su Bussi". Fondi "che non sono sufficienti per bonificare l'intero sito", ha ribadito il presidente Chiodi, "ma in questo senso contiamo di avviare una trattativa seria con il governo per trovare una soluzione definitiva che parta dalla messa in sicurezza, che mi sembra ormai cosa fatta, per arrivare alla bonifica dell'intera area interessata dall'inquinamento, compreso la possibilita' di far tornare produttiva un'area importante del pescarese".
PD, DA CHIODI SOLO CHIACCHIERE DA FIGURANTE
"Da Chiodi solo chiacchiere proprie di un figurante". Attacca cosi' il capogruppo del PD in Regione Camillo D'Alessandro il presiedete Chiodi sulla vicenda Bussi. "Bussi doveva rappresentare la priorita' regionale, nazionale ed europea, ma serviva e serve una Regione che sia guida. Va trattata - prosegue D'Alessandro - con governo nazionale ed Europa non solo la disponibilita' delle risorse ma la disponibilita' di norme speciali per il risanamento ambientale ed industriale dell'area. Le ha mai chieste Chiodi in queste anni?. Va pensato, organizzato e promosso - insiste D'Alessandro - un progetto speciale sul fiume Pescara. Dove e' stato Chiodi in tutti questi anni? Cosa ci ha fatto dei poteri regionali?. Non se ne puo' piu' - conclude d'Alessandro - del professionismo del nulla, incapace di iniziativa, professionista nel lavarsi le mani".

VIDEO IN PRIMO PIANO :