ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Migranti: 'La Sea Watch non sbarca neanche a Natale'- Tria: 'Rispettiamo le regole, ottimista su procedura Ue'- Colpo alla 'ndrangheta: Arresti in Emilia-Romagna- Olimpiadi invernali 2026: Vincono Milano e Cortina. Sogno olimpico per l'Italia-

news

VIDEO IN PRIMO PIANO - CENTROABRUZZONEWS

lunedì 31 marzo 2014

ISTITUTO G.VICO, CERIMONIA IN ONORE DELL'EX STUDENTE GILBERTO MALVESTUTO

(video intervento Gilberto Malvestuto)
SULMONA - Si è svolta questa mattina a Sulmona presso la sede dell'Istituto Giambattista Vico una cerimonia in onore di Gilberto Malvestuto, ultimo ufficiale della Brigata Maiella, che nel 1937 frequentò l'istituto sulmonese, allora Istituto Magistrale Gabriele D'Annunzio.Durante la manifestazione si sono susseguiti gli interventi di Domenico Logozzo, degli studenti, dei docenti e della dirigente che hanno cosi' inteso festeggiare Malvestuto a cui è stata donata una targa ricordo dell'evento.
"Noi con questa piccola cerimonia abbiamo voluto dare un piccolo riconoscimento a Gilberto Malvestuto, un personaggio illustre che ha dato molto per la libertà in Italia e per aver frequentato in passato il nostro istituto"ha ricordato la preside Caterina Fantauzzi."Per l'occasione abbiamo voluto invitare i suoi piu' cari amici Ubaldo Grossi e Enio
Pantaleo, anche loro reduci della Brigata Maiella"ha aggiunto la preside.Durante la cerimonia gli studenti hanno posto delle domande a Malvestuto e hanno letto alcuni stralci del suo libro."Abbiamo in atto un progetto che si chiama la "Memoria Fertile"ha ricordato  Gelanda Martorella, insegnante di Storia e Filosofia."Questa iniziativa tende ad abbracciare tutte le modalità attraverso le quali è possibile mantenere vivo il ricordo e le testimonianze.Noi facciamo proprio della testimonianza diretta lo strumento principe di comunicazione con i giovani.E a tal proposito abbiamo avuto l'onore di ospitare Gilberto Malvestuto, l'ultimo ufficiale sopravvissuto della Brigata Maiella che entro' a Bologna il 21 aprile del 1945, per liberare questo territorio dai nazifascisti.E' anche grazie a lui che la prima e la seconda generazione che è quella dei nostri alunni può beneficiare della libertà e della democrazia, pilastri in cui si legge il concetto di storia"ha spiegato l'insegnante.



VIDEO IN PRIMO PIANO :