-ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Conte: 'Ridisegnare il Paese, fisco iniquo, serve riforma'- Premiati gli 'eroi' del Covid:Ecco perché e chi sono- Italia libera dal lockdown: Tutte le regioni riaprono- Salgono i contagi, 318 in più: Sono 8 le regioni senza casi- Proteste in Usa, altri 2 morti Trump: 'Mobiliterò l'esercito'- Mattarella: 'Crisi esige unità, responsabilità, coesione'- 'Serve uno sforzo comune, non ci si può dividere ora'-

news

Post in evidenza

AL VIA I LAVORI PER REALIZZARE ROTATORIE IN TRE INCROCI

SULMONA - "Dal momento del mio insediamento mi sono messo subito al lavoro in sinergia con Anas, che ha appaltato i lavori a una ditt...

VIDEO IN PRIMO PIANO - CENTROABRUZZONEWS

sabato 29 marzo 2014

NEGOZI CINESI, BLIZ DEI CARABINIERI CON SEQUESTRI E DENUNCE

POPOLI - Blitz dei carabinieri in tre negozi cinesi, con conseguenti sequestri e denunce. I militari dell'Arma, coordinati dal capitano Antonio Di Cristofaro, sono entrati contemporaneamente nelle attivita' situate a Scafa, Popoli e Torre de' Passeri per verificare il rispetto delle norme amministrative in materia di commercio. Nel corso del servizio, affidato a 15 carabinieri, e' stato contestato ai proprietari dei negozi, tutti cinesi residenti nella Val Pescara,
il mancato rispetto delle normative in materia di codice del consumo. Molti dei prodotti esposti, infatti, non erano conformi ai parametri previsti dalle normative del settore. Sono finiti sotto sequestro oltre 2.000 pezzi tra articoli per la cura della persona, giocattoli, piccoli elettrodomestici e oggettistica di vario genere, ritenuti fuori legge rispetto a quanto prevedono le normative comunitarie in materia di sicurezza. I proprietari dei bazar sono stati sanzionati in via amministrativa e segnalati agli uffici competenti della Camera di Commercio di Pescara. Per Di Cristofaro controlli del genere, che finora non sono mai stati eseguiti in questa zona del Pescarese, sono finalizzati a "garantire, da una parte la regolarita' della posizione amministrativa dei molti esercenti che commerciano legittimamente e nel pieno rispetto delle normative vigenti, e dall'altra a tutelare chi acquista ed usa questo genere di prodotti, spesso non conformi e dunque potenzialmente pericolosi, soprattutto per la incolumita' dei bambini".

VIDEO IN PRIMO PIANO :